Annunciata la nascita del Lucca Expo Comics Museum

Il progetto del Museo del Fumetto evolve in Lucca Expo Comics Museum, un polo per la diffusione della cultura del fumetto.

Comunicato stampa

Un luogo dove sviluppare nuove idee e progettualità, di cultura e formazione, legato alla comunicazione per immagini. Un luogo in cui le sinergie e il grande bagaglio di contatti, opportunità e conoscenze, nato e cresciuto nella città di Lucca, con il festival , possano trovare un ulteriore sviluppo. Questo sarà Lucca Expo Comics Museum, che il Comune di Lucca e di Lucca Crea srl (società che organizza il festival Lucca Comics & Games), stanno progettando insieme, grazie agli importanti finanziamenti che la valenza del progetto è riuscita a conquistare.

A presentare lo stato del progetto il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini, insieme all’assessore Serena Mammini, con Giovanni Russo, di Lucca Crea srl, responsabile per il nuovo Expò Comics, con il senior consultant Renato Genovese.

Per la rinascita di questo luogo, che non sarà più solo museo del fumetto, ma un vero e proprio hub, destinato a mettere in contatto il pubblico degli appassionati, degli studiosi, dei docenti, degli artisti e degli editori, con i loro ambiti di interesse, utilizzando le competenze professionali e imprenditoriali presenti in questi settori, l’amministrazione comunale può contare su più di 7 milioni di euro, derivanti da risorse comunali, regionali e statali, grazie anche ai fondi ottenuti recentemente dal Mibact, che ammontano a 2 milioni di euro.

Un’istituzione che si occupi di fumetto, deve guardare a tutti e tre gli orizzonti. Per questo, il nuovo Lucca Expo Comics Museum sarà in parte biblioteca, in parte museo, in parte centro culturale. Una casa della memoria e della creatività, non solo aperta tutto l’anno ma attiva tutto l’anno.
Adotterà da una parte gli standard dei musei e delle biblioteche; ospiterà autori e attività che coinvolgano anche il pubblico; attiverà un programma espositivo che racconti quel che è accaduto, accade e possibilmente accadrà, sia nel mondo del fumetto e dell’immagine che in quello reale, visto attraverso lo sguardo dei creativi. A fianco a questo accoglierà, conserverà e renderà fruibili albi, volumi, tavole originali.
Si verrà all’Expo per molti motivi: divertirsi, imparare, partecipare; ma anche solo per leggere in pace un buon fumetto, da una collezione che ambirà ad essere la più ricca d’Italia.

UN PRIMO ATTO: UNA DONAZIONE DI ORIGINALI DI GINO D’ANTONI
A sancire il primo passo di questo nuovo viaggio, oggi, il Lucca Expo Comics Museum vede la prima donazione che sarà formalizzata più avanti, con la consegna di alcune tavole, layout originali di Gino D’Antonio (1947 – 2006) fumettista italiano, autore fra l’altro della Storia del West un’epopea fumettistica realizzata con un rigoroso lavoro di documentazione, che per prima rappresentò il realismo il Far West. La donazione è stata consegnata da Dario Dino Guida e Riccardo Moni da parte di Marco Cortellazzi.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio