McGuffin Comics Presenta: Rock! (Ferri, Talamazzi, Cella, Signaroli)

McGuffin Comics Presenta: Rock! (Ferri, Talamazzi, Cella, Signaroli)
Lo Spazio Bianco è lieto di ospitare le opere dell'autoproduzione McGuffin Comics. "Rock!" è una breve e ironica storia scritta da Mattia Ferri e MassimilianoTalamazzi, disegnata da Giacomo Cella e colorata da Sara Signaroli.

Dopo The Mighty and Deadly Iron Gang di Officina Infernale, Tumorama di Pablo Cammello, Restiamo sdraiati qui per terra di Federico Chemello e Alberto Massaggia, The Pretender di Bartolomeo Argentino, Antonello Cosentino e Francesco Montalbano,  e il collettivo , Lo Spazio Bianco è lieto di ospitare le opere della McGuffin Comics, un’etichetta di autoproduzione attiva dal 2015. “Rock!” è una breve storia comica autoconclusiva scritta da Ferri e Talamazzi e realizzata da Cella e Signaroli.

McGuffinComics_LOGO-web-Silvia-Signorini-e1488791399895_McGuffin Comics

ROCK!
Sceneggiatura: Mattia Ferri e Massimiliano Talamazzi
Disegni: Giacomo Cella
Colori: Sara Signaroli

Mattia Ferri nel 2015 fonda insieme a Mattia Boglioni l’etichetta di autoproduzioni , con cui ha pubblicato i volumi “In Mass Media Res”, “Il Cimitero degli Amori Perduti”, “Liberati dal Male”, le co-produzioni “Una Gomitata”, realizzato da Giacomo Taddeo Traini, “Cipolla”, realizzato da Luigi Filippelli, e numerose storie online. Ha collaborato con le autoproduzioni 1/9 Comics e Cowboys From Hell. Nel 2018 pubblica per la collana AlterZone di Edizioni Inkiostro “Tessuto Connettivo”, un libro illustrato realizzato con Le Nevralgie Costanti ed è curatore ed è curatore, insieme a Giacomo Taddeo Traini, del portale online di giornalismo a fumetti STORMI.

Massimiliano Talamazzi nasce da qualche parte nel 1965 ma poi lo mettono in pratica solo molto dopo, quando è ormai troppo tardi. studia un sacco di cose tutte bene, ma quando si tratta di metterle in pratica rinuncia per una malriposta sfiducia in se stesso. ad un certo punto prende a dischiararsi fumettista, intellettuale e campione olimpico. solo la prima è vera. la pubblica opinione lo contesta. rapisce delle tartarughe per protesta e scompare nelle fogne farneticando di un agente mutageno. Lavora con McGuffin Comics su “Il Cimitero degli Amori Perduti” e realizzando la storia breve “Inferno Quotidiano” contenuta in “Liberati dal Male”, viene abbordato da quelli di Cowboys From Hell per una storielletta su “Cowboys From Hell 2.5”. Nel 2018 collabora con STORMI realizzando una storia sul Baskin. Diventa autore internazionale dopo che il suo sceneggiatore preferito convince dei volenterosi svedesi a ripubblicare “Inferno Quotidiano” su Seriemix #5 col titolo “Helvetet pa jorden”.

Giacomo Cella originario dell’Appennino Emiliano, ma milanese di nascita, attualmente vive ai piedi dei colli di Parma, dove si mangia decisamente bene. Fin da piccolissimo disegna fumetti sui banchi di scuola (ma anche su fogli), soprattutto durante le ore di geografia. E’ tuttora convinto che Parigi si trovi in Piemonte, ma la sua passione per il disegno è cresciuta e l’ha guidato in tutta la sua adolescenza, spingendolo a frequentare un paio di Licei artistici tra Milano e Parma. Dopo un inopportuno allontanamento da matite e pennelli per conseguire la Laurea in Arte e spettacolo, torna sui suoi passi frequentando diversi corsi di fumetto, illustrazione e sceneggiatura presso il Centro Fumetto Andrea Pazienza di Cremona, con cui collabora in occasione di eventi e in piccole pubblicazioni. Illustratore per associazioni locali, viene ingaggiato dalla rivista satirica cremonese “Soccuadro”, con cui collabora come vignettista, autore di testi, impaginatore tipografico e assaggiatore di buffet. La storia che avete appena letto rappresenta la prima collaborazione con McGuffin Comics; l’incredibile fatica profusa per realizzarla, però, l’ha spinto a pensare che sia ora di imparare a disegnare sul serio, tanto da iscriversi alla Scuola Internazionale di Comics di Reggio Emilia. Nonostante tutti questi anni di studio continua a non capire perché le autobiografie si scrivano in terza persona.

Sara Signaroli nasce nel 1988 e sin dalla nascita acquisisce il suo super potere, quello di cavare dagli impicci poveri autori disperati. Interviene nel 2007 nel video “Il lino – dal seme al tessuto” salvando l’autrice Silvia Marras da un treno in corsa e, più tardi nel 2010, dallo stesso treno per “La voce della musica – Don Giovanni Dore”; ancora nel 2014 per il libro “Perdas – nel territorio di Ardauli” ferma il super criminale che aveva rapito l’autrice Maria Cosima Deiana. Nel 2016 salva anche gli autori della Lòch Comics: gettati in una vasca di piranha, vola su di loro e li salva uno ad uno curando il restyling e il lettering delle storie breve contenute in “The Basement Vol.1”. Purtroppo Laura Mondelli, appena fuori, scivola e ricade nella vasca: a Sara tocca riprenderla curando il restiling e il colore di Alghe Assassine. Cos’é? È un book editor? È un montatore? No. È Sara.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su