Kappa at work (Imiri Sakabashira)

Kappa at work (Imiri Sakabashira)
Un viaggio surreale tra kappa, mostri, palazzi che camminano, personaggi bizzarri e situazioni imprevedibili: un manga folle come una favola sotto LSD.

kappa at workDopo The box man una nuova proposta da quello che viene considerato il portabandiera del gekiga contemporaneo. Kappa at work è un manga che fa dell’inventiva più assurda e incontenibile il proprio punto di forza: è la storia della giovane Anne che, alla ricerca di un lavoro per aiutare in famiglia, finisce per essere catturata da un sottomarino guidato da un gruppo di kappa pirati e assunta come cuoca.
Da qui la fantasia di Imiri Sakabashira trasforma le sue vicende in qualcosa di ancora più folle, disseminando le pagine del fumetto di stranezze, esseri grotteschi, luoghi fantastici ed eventi curiosi. Un mix che risulta alla fine quasi barocco come la città di Anne, un mix tra Giappone, Russia e Medio Oriente, passando per creature degne di Hieronymus Bosch e paesaggi urbani che oscillano tra la pittura surrealista e quella metafisica. Da un certo punto in poi Kappa at work costringe a rallentare la lettura, che sarebbe altrimenti quasi frenetica visto che eventi e incontri si susseguono uno via l’altro, per curiosare tra le tavole e scovare tutte le invenzioni grafiche dell’autore.
Sakabashira utilizza uno stile semplice ma non povero, che alterna tavole molto pulite ad altre più tratteggiate e complesse; un tratto sintetico e cartoonesco che dà vita a dei personaggi dalle figure un po’ sghembe e rigide, con richiami comunque colti come quelli alla pittura giapponese classica. Grazie a queste caratteristiche l’autore riesce a rendere qualunque follia coerente e credibile all’interno del suo mondo e ogni avventura risulta in questo modo infusa di un tono comico e leggero, trasformandosi quasi in una favola onirica.

Abbiamo parlato di:
Kappa at work
Imiri Sakabashira
Traduzione di Andrea Maniscalco
, ottobre 2020
216 pagine, brossurato, bianco e nero – 15,00 €
ISBN: 9788822618139

kappa at work interni

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su