Paperinik – Le origini, vol. 1 (Martina, AA.VV.)

Paperinik – Le origini, vol. 1 (Martina, AA.VV.)
Paperinik tenebroso criminale? Era la realtà delle prime avventure del papero mascherato, ora raccolte in un volume Panini.

Gli esordi di erano ben lontani dall’impronta supereroistica conosciuta dai lettori degli ultimi trent’anni: inizialmente il personaggio era anzi un vendicatore dei torti subiti da Paperino, angariato in quel periodo (siamo tra la fine degli anni Sessanta e la metà dei Settanta) da Zio Paperone, Paperina, Gastone e nipotini senza quasi mai possibilità di riscatto. Da qui l’idea della caporedattrice di Topolino Elisa Penna e dello sceneggiatore di dare un’identità segreta al papero, ispirandosi agli anti-eroi del fumetto italiano di quegli anni e in parte a Dorellik, parodia comica di Diabolik portata in televisione dallo showman Johnny Dorelli.
Disegnate da , e (i primi due con il loro tratto classico e morbido, il terzo con un’estetica più dinamica e moderna che lasciava intravedere lo stile futuro dell’artista milanese), le prime cinque avventure di Paperinik hanno il fascino dell’ambiguo e dell’eversivo, con la loro ambientazione notturna e le azioni al di fuori della legge compiute dal protagonista all’interno di trame articolate e assai valide per intenti e intreccio.
Il volume Panini che le ripropone recupera le prime pagine dei secondi tempi e grazie al grande formato si presenta esteticamente come un bel prodotto. Purtroppo la permanenza di alcune storiche censure nei dialoghi e la scelta di comprimere l’apparato editoriale in una sola pagina rendono l’edizione meno appetibile, per quanto le storie restino comunque fondamentali per inquadrare quella stagione del fumetto .

Abbiamo parlato di:
Paperinik – Le origini, volume 1
Guido Martina, Giovan Battista Carpi, Romano Scarpa, Massimo De Vita
, maggio 2017
289 pagine, brossurato, colori – 7,90 €
ISSN: 977112388500370067

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su