Parliamo di:

Lupin III di Monkey Punch: gli episodi inediti

La prima serie dedicata a Lupin III, icona del fumetto e dell'animazione creata da Monkey Punch, pubblicata dopo varie peripezie dai Kappa Boys.
Articolo aggiornato il 22/09/2017

Lupin III di Monkey Punch: gli episodi inediti è una delle “icone” più riconoscibili dell’animazione giapponese in Italia. L’immagine del ladro in giacchetta ha riscosso un successo trasversale che lo ha reso protagonista di tre serie televisive (tutte trasmesse nel nostro paese anche se con qualche taglio), otto lungometraggi (memorabile Il castello di Cagliostro) e 14 special TV. Per dare un’idea del seguito di questo personaggio nel nostro paese, basta pensare che la prima serie TV ad essere trasposta completamente in DVD in Italia (ad opera di Yamato Video) è stata proprio quella con la giacca verde di Lupin al quale, tra gli altri, ha collaborato Hayao Miyazaki.

E riguardo ai fumetti?
Nell’aprile 1994 (dopo alcuni albi “non ufficiali”) la Star Comics pubblica Le nuove avventure di Lupin III, prima con due albi speciali e poi con 29 numeri della serie regolare che termina nell’ottobre 1996. Questi 31 volumetti raccolgono la seconda incarnazione a fumetti del nostro perché all’epoca i Kappa della prima edizione scrivono

“La prima serie di Lupin III […] è molto datata e il segno non è particolarmente aggraziato” (Massimiliano De Giovanni dal numero 1 giugno ’94).

Nel numero 22 di Kappa Magazine (Aprile ’94) esce Alis Plaudo, una breve storia inedita disegnata ed ambientata in Italia direttamente da . Nel novembre del ’99 esce Lupin III: Il violino degli Holmes di Andrea Baricordi e Gianmaria Liani per la : storia autoconclusiva dalla genesi completamente italiana introdotta da un significativo Monkey Punch presenta.
Nel Dicembre 2001 parte il progetto Lupin III Millenium: miniserie di dieci storie da pubblicarsi in due anni ognuna da differenti autori (Palumbo, Marchesi, Signora, Crosa ecc).

A settembre 2002 esce quindi: Lupin III- Gli episodi inediti della prima serie (da notare il potere del marketing nelle scelte dei titoli) primo di una serie di tredici volumi mensili, identico nel formato alla precedente incarnazione Star Comics, ma con un numero di pagine più elevato (192 a 128). Durante la pubblicazione della seconda serie si erano alternate diverse proposte: all’inizio c’era un moderato ottimismo, rafforzato in seguito dalle buone vendite, poi la proposta di pubblicare la prima serie in appendice alla seconda, ancora la proposta di far seguire un ipotetico Lupin Classic sempre su Mitico, infine l’idea di richiedere 5000 firme su cartolina postale per la pubblicazione della prima serie.
In conclusione, sul numero 26 di Mitico del Luglio 1995 De Giovanni scrive:

“[…]data la natura underground, i disegni assolutamente datati e l’assenza dei compagni di avventura di Lupin […] non ci possiamo permettere il lusso di presentarla su Mitico“.

La genesi di questi episodi della prima serie è stata quindi abbastanza complessa e personalmente spero che questa nuova edizione raccolga il successo sperato per ripagare l’impegno dell’editore.

Lupin III di Monkey Punch: gli episodi ineditiLe differenze tra questa prima (seconda) incarnazione e la successiva (precedente) sono soprattutto nel disegno. Il tratto utilizza decisamente più linee e se questo può suonare positivo in realtà la vignetta risulta nell’insieme più “sporca”, statica e meno espressiva.
Ad appesantire ulteriormente la situazione contribuisce poi un numero di vignette per pagina mediamente più elevato che rimpicciolisce il tutto “incriccando” sporadicamente le pupille del lettore. Non è certo il virtuosismo grafico che si deve per forza ricercare in un fumetto come questo, ma in sintesi il disegno è peggiore rispetto alla serie successiva anche se, indubbiamente, dotato di stile.

La sceneggiatura delle storie è invece quella che già ben conosciamo: episodi brevi a volte brevissimi, umorismo (anche greve), allusioni se(n)suali ( anche se non sono ancora arrivati gli organi sessuali disegnati grazie all’uso dei simboli di uomo e donna) , grande galleria di personaggi (che dal terzo numero si arricchisce di Goemon) anche comprimari.

In sintesi un fumetto che riesce in quello che si prefigge: regalare un po’ di disincantato divertimento. Succede sempre così?

Abbiamo parlato di:
Lupin III – Gli episodi inediti della prima serie #1/4
Monkey Punch (Kazuiko Kato)
Orion Distribuzioni, settembre-dicembre 2002
192 pagine, brossurato, bianco e nero – esaurito

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio