Andrés Abiuso immagina “Lo Spazio Bianco”

Andrés Abiuso immagina “Lo Spazio Bianco”
Cos'è “lo spazio bianco”? Com'è possibile riempirlo? La risposta a queste domande è affidata in questa puntata al fumettista Andrés Abiuso.

Quale concetto migliore per esaltare l’inventiva di un artista? Quale tema più liberamente interpretabile dello spazio bianco può esistere, a parte forse il suo opposto, l’oscurità?

Per questo abbiamo dato vita a uno spazio dove gli autori possano dare forma alle proprie idee e interpretazioni e, allo stesso tempo, a una piccola celebrazione del nostro sito, che intorno al concetto di “spazio bianco” è nato e che vedeva nel contorno vuoto delle vignette un non-luogo “dove i fumetti sono tutti uguali”.

Ospite di questa puntata è  con la sua  illustrazione senza titoloBuona visione.

“Credo di non avere un buon rapporto con lo spazio bianco.
Ci ho messo due mesi a “toccare foglio” per questo disegno.
Vedere quello spazio bianco mi fa sentire in trappola, costretto a cercare qualcosa di unico e irripetibile da riversarci dentro.
È come se il foglio vuoto fosse un pazzo armato fino ai denti e io un ostaggio con un incurabile sindrome di Stoccolma.”

Lo Spazio Bianco

Nasce a Quilmes, in Argentina, nel 1996. Dopo gli studi scientifici studia fumetto alla TheSign di Firenze (ex ). In seguito ad anni passati a capire il mondo (dicesi “lavorare”), si trasferisce a Milano. Attualmente ha un lavoro (quasi) vero come Menswear Illustrator ma si ostina a voler fare la fame con i fumetti. Nel marzo 2022 esce il suo primo , scritto da Lorenzo Coltellacci ed edito da : Escher – Mondi Impossibili.

CONTATTI

Instagram
Behance

IMG_20190428_124030_994

1 Commento

1 Commento

  1. Sofia

    16 Marzo 2022 a 11:02

    Interessante pensare che uno spazio bianco possa avere tale importanza per gli artisti! A volte spaventa il vuoto, eppure il bianco può comunque diventare qualcosa, non per forza il nulla, anzi! Molto molto curioso!

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su