Premiazione e mostra “E se Dylan Dog fosse…”

Premiazione e mostra “E se Dylan Dog fosse…”
Sabato 3 Dicembre ad Ascoli Piceno presso la sala della Ragione di Palazzo dei Capitani avverrà la premiazione del concorso "E se Dylan Dog fosse...".

Comunicato stampa

dylan-dog-70x100-premiazionePer il terzo anno consecutivo, anche in questo turbinoso e infausto 2016, si avvicina la conclusione per il Concorso di Illustrazione di !

La Premiazione è alle porte, il vincitore di questa Terza edizione verrà annunciato sabato 3 dicembre, alle ore 17.30, presso la Sala della Ragione di Palazzo dei Capitani ad Ascoli Piceno. I concorrenti questa volta sono stati chiamati a immaginare una nuova vita per l’Indagatore dell’Incubo di casa Bonelli: E se fosse, il tema del contest, prevedeva che gli illustratori non professionisti realizzassero una tavola in cui il famoso personaggio dei fumetti italiani vestisse per una volta nuovi panni, originali o improbabili che fossero.

Novità della presente edizione è la modalità di scelta delle opere. La Giuria, formata da nomi di personaggi locali e di fama internazionale esperti nei campi dell’arte, del fumetto e dell’illustrazione, ha selezionato, tra i 64 lavori partecipanti, le 40 tavole più meritevoli, che formeranno, come ormai da tradizione, una Mostra allestita nella Sala Archeologica di Palazzo dei Capitani, dal 3 dicembre a domenica 18 dicembre, con ingresso gratuito aperto a tutti.

yamazaki-18-years-70x100Ma sicuramente da non perdere è l’evento nell’evento, ovvero la Premiazione dei tre vincitori (più il premio speciale di ) che si svolgerà alla presenza della Giuria, formata da Lara Quatrini(vincitrice del Premio Speciale DF edizione 2015), il pittore ascolano Gabriele Coccia, il professore Alessandro Zechini e, a capitanare il tutto, e , disegnatori e di fama mondiale.

I premi ai vincitori sono anch’essi legati al mondo dell’arte e del disegno, e si ringraziano gli sponsor Pentel Italia spa, , Editore, Cartoleria Cartarius, Fumetteria Matrix e B&B L’Arengo che hanno messo a disposizione materiali e servizi.

Le ferite del territorio, che si riflettono sulle ferite evidenti della nostra città, si risanano anche grazie alla cultura, alla voglia di andare avanti, di costruire attraverso l’arte, la collaborazione e il carattere.

Per ulteriori informazioni visita il sito www.dimensionefumetto.it e la pagina Facebook di Dimensione Fumetto.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su