Parliamo di: /

Il nuovo film di Ralph Bakshi, dietro le quinte di Deadpool

In questa puntata Ralph Baksho a ruota libera sull'animazione e il suo ultimo film. Inoltre: Deadpool, Supergirl, Outcast e altro ancora.
Articolo aggiornato il 22/09/2017

Last Days of Coney Island

Intervistato nei giorni scorsi da Cartoon Brew, ha avuto modo di parlare del suo ultimo film Last Days of Coney Island, realizzato grazie a una raccolta fondi su Kickstarter. Bakshi ha non solo parlato del suo nuovo progetto, ma anche ricordato le sfide (soprattutto con i produttori) avute nel corso della sua carriera.

Il mio figlio più giovane, Edward Bakshi, che ha prodotto Last Days of Coney Island e ha anche iniziato un corso di animazione presso una università nel New Mexico, è cresciuto in una famiglia di animatori. Lui è molto su Internet, così mi ha detto quante e-mail stava ricevendo da parte di molti giovani che chiedevano di suo padre. Mi ha anche detto come si potessero raccogliere fondi su Kickstarter per fare un cortometraggio di cinque minuti, che ho pensato sarebbe stato grande. Volevo farlo se anche lui voleva farlo, perché amo l’animazione, in particolare se si può fare senza la necessità di consegnare gli script.
Così siamo andati su Kickstarter e abbiamo raccolto il denaro, ma quando ho iniziato a realizzare il cortometraggio di cinque minuti, una vecchia sensazione mi ha colpito ancora una volta, perché la storia che stavo cercando di raccontare era più lunga… È diventata sempre più grande e più grande, così ho dovuto metterci i miei soldi, ma per contenere i costi, ho deciso di fare l’animazione e gli sfondi io stesso. In questo modo ho potuto tenere i soldi per la gente che ho dovuto pagare, per le modifiche, la pittura e l’inchiostrazione, e tutto il lavoro al computer. Abbiamo fatto tutto con il disegno a mano, mentre il resto è stato fatto al computer.

Si è rivelato essere il momento migliore che abbia mai avuto in vita mia. Un uomo di 77 anni completamente coinvolto nell’animazione, con gli sfondi, il layout, il design dei personaggi, e tutto il resto? Questo è il tipo di lavoro che ho fatto quando ho iniziato a lavorare a Terrytoons [studio di animazione di Paul Terry ndr], prima di iniziare a dirigere The Mighty Heroes negli anni ’60. Fare Last Days of Coney Island è stato come tornare a casa… e non posso dirvi quanto amo tutto questo.

Interpellato sul fatto che Last Days of Coney Island presenti una animazione che attualmente è quasi scomparsa, Bakshi ha voluto sottolineare alcuni elementi in proposito:

Permettetemi di dire alcune cose. Prima di tutto, non ho deciso di spaventare chiunque, o mostrare alla gente quanto negativo io possa essere. Ho deciso di rivelare che cosa sto pensando, per scoprire che cosa mi preoccupa. I miei film sono personali; l’animazione è la mia forma d’arte. In alcuni livelli, Last Days of Coney Island è il più strano, più divertente, più oscuro film che abbia mai fatto. E questa combinazione è nuova, anche per me.
Certo, è tutto molto anni ’60 e fatto nel vecchio stile dei cartoni animati, che adoro… Ora, Pixar e Disney hanno fatto alcune cose belle e maestose con l’animazione al computer, ma sono stato in grado di andare contro ciò e riportare la vecchia scuola d’animazione disegnata a mano che abbiamo usato per cercare di fare qualcosa di brillante, come quando non c’erano i computer. Questo mi ha permesso di sfogarmi.

La costruzione della storia è stata diversa da tutto quello che ho fatto. Ho messo tutte le informazioni in The Last Days of di Coney Island in 25 minuti come ho fatto in Heavy Traffic. Ho dovuto trovare un nuovo modo di farlo, per comprimere una storia da lungometraggio in un cortometraggio di 25 minuti. Quindi, mi sono liberato delle scene noiose che spiegano i personaggi, e che prendono così tanto tempo di un film, perché c’erano tonnellate di personaggi che vanno e vengono.
E ho imparato così tanto, che ora muoio dalla voglia di fare un film più lungo. Ogni film che faccio è un trampolino di lancio per il prossimo; non sto cercando di copiare quello che ho fatto sull’ultimo. Non potrei mai essere il ragazzo che ha lavorato per la Warner Bros. o per la MGM, che ha fatto 300 cartoni di Bugs Bunny, uno dopo l’altro. La cosa da fare è andare avanti. Le storie e le tecniche dello scorso anno appartengono allo scorso anno. Sì, l’animazione è una forma d’arte che la gente vuole usare come mezzo commerciale per fare soldi, ma mi piace fare tutto. Penso che l’animazione sia troppo meraviglioso per bastardizzarla.

E io amo gli animatori! Ho accreditato tutti i veterani che mi hanno insegnato, che sono tutti morti ora, alla fine di Last Days of Coney Island. Ogni animatore con cui io abbia mai lavorato (o che abbia lavorato con me) che è ormai andato, perché voglio rivedere i loro nomi. Nel bene e nel male, tutto quello che ho fatto sullo schermo è accaduto a causa di quello che quei ragazzi mi hanno insegnato, e non lo dimenticherò mai. I ragazzi che hanno lavorato ai miei vecchi film, senza prove a matita – Irv Spence, Jim Tyer, Virgil Ross – questi ragazzi mi hanno salvato la vita. Io li amo, e mi dispiace che se ne siano andati tutti. Mi mancano.
Io non faccio tutto questo per mettermi in mostra, lo faccio perché altrimenti mi annoio. Ecco perché non ho fatto il sequel di Fritz il gatto quando tutti mi pregarono di farlo. Fritz fu un enorme successo, e mi offirirono milioni per fare Fritz 2. Ma io non lo feci; Volevo fare Heavy Traffic! Questo è solo il modo in cui sono nato, non posso farne a meno. Si cresce poveri, e si rimane poveri. Qual è il problema?
Sapete? Sono rimasto scioccato quando tutti quei vecchi animatori che disegnavano a mano sono stati lasciati andare via dalla Disney. Ai miei tempi, ragazzi come questi valevano un miliardo di dollari ciascuno. Se avessi avuto la quantità di denaro che la Disney e la Pixar avevano, mi sarebbe piaciuto tenere questi ragazzi in una stanza per realizzare corti animati, anche se i cortometraggi a malapena vanno in pareggio. Come si fa a lasciare questi ragazzi andare via? Ai miei tempi, sarebbe stato come tradire se stessi. Sono stato fortunato che quando sono arrivato in città, il business era già morto. Tutti i tizi che lavoravano ai cortometraggi erano senza lavoro, così hanno cominciato a venire nel mio ufficio. Come si sostituiscono grandi animatori del genere? Non lo sai.

Una delle più grandi lotte che ho avuto da giovane è stata contro i produttori, che erano quelli che ottenevano tutti i meriti. Ho continuato a urlare, “chi ha animato Pinocchio?” E “Chi ha diretto Night on Bald Mountain?” [uno dei corti di Fantasia ndr]. Una delle più grandi battaglie, che ho vinto, è stata quello di diventare uno dei primi registi che lavoravano per un forte produttore ad aver ottenuto i  credits per i suoi film. Pochi sanno che Fritz il gatto e Heavy Traffic avevano ovunque il nome del produttore, il quale cercava di prendersi il merito.

Nel corso di una intervista avvenuta sul set di Deadpool, realizzata alcuni mesi fa ma diffusa nei giorni scorsi, l’attore ha avuto modo di parlare della realizzazione del film sul mercenario Marvel, che ci ha messo 6 anni per diventare realtà. Una situazione che, inizialmente, ha sconfortato lo stesso attore.

Tim [, il regista ndr] ha mantenuto la fede in un modo in cui io non ci sarei riuscito, c’è stato un periodo in cui ho solo pensato che dovevo lasciare andare questo progetto. È stata come la peggior relazione in cui fossi mai stato. È stato qualcosa del tipo accendi/spegni, accendi/spegni per molto tempo. Abbiamo creato questi test footage che la dicevano lunga sul personaggio e su cosa avremmo potuto fare con esso, e che non ha mai visto la luce del giorno. Fino a quando Tim lo ha diffuso.
Questa è stata la più strana luce verde data a un film che abbia mai visto, perché non ci hanno detto niente, hanno solamente reso nota la data di uscita del film … C’era stato un po’ di nervosismo dopo che il test footage era trapelato online, e improvvisamente abbiamo visto la data di ‘Deadpool’ per febbraio 2016 e tutti noi ci siamo guardati l’un l’altro e pensato, ‘stiamo tutti per fare un film o siamo stati tutti appena licenziatì.

Parlando dello stile di questo lungometraggio rispetto ad altri basati su supereroi o personaggi Marvel, Reynolds ha voluto sottolineare un elemento che lo differenzia totalmente dagli altri: la presenza di tanti morti.

Beh, in ogni film tratto dai fumetti nessuno muore! Voglio dire, tutti si sparano, è come un episodio di ‘A-Team’. Ognuno sta sparando per terra! Quindi, noi abbiamo l’opportunità di farlo in un modo che segue tutto quello che Deadpool ha creato, ovvero la rottura del quarto muro, quel tipo di sensibilità da mercenario e umorismo e poi abbiamo anche questa opportunità, che è molto rara in questo mondo, per fare qualcosa che non è necessariamente solo per i bambini. Ci sono alcune cose, piuttosto iper-violente che accadono in questo film ed è stato molto divertente girarle.

L’attore ha poi descritto Deadpool come un pazzo, anche se il personaggio non sarà completamente in quella fase quando si aprirà il film. E anche nei titoli di coda, Deadpool non avrà raggiunto il picco di follia del materiale originale.

Quando incontriamo Wade lui è piuttosto acerbo e un po’ strano, ma non vicino al livello di Deadpool – ha spiegato Reynolds – Deadpool ha zero possibilità di bloccare la sua bocca, e su questo vi sono numerosi riferimenti nello script e gli altri personaggi farebbero di tutto per farlo stare zitto. Qualsiasi cosa. Tranne forse cucirgli la bocca. Nessuno lo farà.

Lui non è schizofrenico. Ma è come dice Ryan, il personaggio è in una spirale di vergogna molto alta- ha aggiunto lo sceneggiatore Rhett Reese – Quindi è molto insicuro, è molto vanitoso, odia il suo aspetto, e il fumetto ci ha dato il modo principale per rompere la quarta parete, in un modo in cui lui è stranamente onnisciente, in quanto può parlare del fatto di essere in un film, può parlare di cose che il personaggio non conosce e intorno a lui tutti reagiscono così: ‘ma di che cosa sta parlando? ‘

Il regista Tim Miller ha invece sottolineato come la presenza di un personaggio come Colosso, interpretato dallo stuntman Andre Tricoteux, sia il modo per unire Deadpool al resto dell’universo filmico degli X-Men.

Colosso è un po’ la droga che ci permette di entrare nel resto dell’universo degli X-Men – dice Miller – Abbiamo alcune scene piacevoli con lui. Voglio dire, alcune grandi scene con lui … ero così preoccupato che avrebbero tagliato la scena e inserito qualcun’altro che non era in altri film degli X-Men, ma sono così felice che non lo abbiano fatto, in quanto Colosso è la persona giusta.

Mentre le riprese di Outcast continuano, il quotidiano Charlotte Observer ha rivelato in un articolo apparso nei giorni scorsi che la lavorazione del serial Cinemax basato sul fumetto di Robert Kirkman ha fornito un grande impulso economico alla zona di Rock Hill (South Carolina).
Più di 2 milioni di dollari, secondo il quotidiano, sono stati spesi per le forniture nelle abitazioni, siti, carburante e costruzioni dal mese di giugno. La società di produzione, che è di stanza a Rock Hill dispone di una troupe tra le 150 e 175 persone, che la settimana scorsa è salita a oltre 450, come rivelato da Barbara D’Alessandro, ispettore di produzione di Outcast.
Le riprese in location private possono essere molto redditizie per i proprietari di immobili locali e i proprietari di imprese. La stessa D’Alessandro ha detto che la produzione ha pagato oltre 100 dollari per il noleggio di un generatore a 6000 dollari per affittare una casa per tre giorni, in cui realizzare alcune sequenze, mentre i commercianti che hanno subito danni o hanno fatto meno affari nel corso della lavorazione, sono stati compensati dalla società che produce il serial.

Intervistata nei giorni scorsi da TvLine, l’attrice , che in Supergirl interpreta il doppio ruolo di Alura, madre di Kara () e della malvagia zia Astra, ha avuto modo di parlare della sua partecipazione alla serie:

Sono così emozionata. Questo è così diverso da tutto quello che ho fatto. E mi piace che , che conosco da sempre, da quando ho lavorato con lui su Eli Stone, abbia pensato a me per questo. Quando mi ha chiamato e mi ha offerto questo lavoro, prima mi ha offerto il ruolo di Alura e ricordo di aver pensato, “Suona così dolce e carina. Posso capire perché abbiano pensato a me” E poi, quando stava descrivendo Astra, ho pensato “Questo è davvero cool. Non ho mai fatto nulla di simile!” E ‘divertente, non solo fare qualcosa di nuovo, ma anche essere vista in una luce diversa.

Per quanto riguarda la dinamica tra Astra e sua nipote, la Benanti ha infine dichiarato:

Nell’episodio 2, vediamo che Astra è stata rinchiusa a Fort Rozz per lungo tempo. Ha avuto un sacco di tempo per pensare, per diventare amareggiata, e per diventare veramente forte. Penso che lei abbia un solo pensiero in mente rispetto a quello per cui è stata inviata sulla Terra, e non ha intenzione di permettere a chiunque di ostacolarla, nemmeno sua nipote e neanche la sua famiglia. Penso che nutra un sacco di rabbia verso Alura, e Kara è la figlia di Alura, così vendicarsi su di lei è la cosa migliore.

American Hero

Screen Media ha annunciato l’uscita negli USA, nel mese di dicembre, di American Hero, un film drammatico con venature supereroistiche interpretato da Stephen Dorff e diretto da Nick Lowe.
Il film segue le vicende di Melvin (Dorff), un uomo dotato di superpoteri che ha trascorso anni a sopprimerei suoi doni con alcol, droghe e le donne e in generale vivendo come un meschino truffatore. Non essendo riuscito fare quasi tutto nella sua vita, tra cui essere un genitore per il suo giovane figlio, Melvin giura di cambiare la sua vita subito dopo essere sopravvissuto a un evento quasi mortale. Trasformando il suo migliore amico Lucille (Eddie Griffin) nel suo partner, Melvin cerca di combattere il crimine e ripulire le strade di New Orleans.

spaventa Wall Street

In un incontro con gli investitori avvenuto nei giorni scorsi, il CEO di Newtorks Josh Sapan ha voluto tranquillizzare sulla tenuta del serial The Walking Dead, dopo che questi avevano visto un calo negli ascolti per i primi quattro episodi della sesta stagione della serie zombie, uno dei più grandi fattori di profitto della rete televisiva. Sapan si è infatti detto “abbastanza soddisfatto” dei risultati dei primi episodi, sottolineando che “la concorrenza per la visualizzazione live è stata particolarmente intensa”.
Le partite della NFL  trasmesse di domenica, lo stesso giorno in cui è programmato il serial, sono risultati più forti in termini di ascolti rispetto allo scorso anno, mentre lo show è salito nei confronti dei playoff di baseball.

Trattiamo The Walking Dead nel senso più ampio come un franchising, che comprende il recente Fear The Walking Dead. È delicato fare ciò che è comunemente chiamato uno spin off. Vi è una storia a scacchi. Ma sono estremamente soddisfatto per il lancio di FTWD come uno degli show più visti sulla tv via cavo.

I musicanti di Brema

Parallax Media Ventures ha annunciato nei giorni scorsi la realizzazione di Musical, film di animazione basato sulla fiaba dei Fratelli Grimm I musicanti di Brema. La pellicola, che avrà un budget di 60 milioni di dollari e la cui uscita è prevista per il 2017, narrerà la storia di quattro animali (un gallo, un asino, un gatto e un cane) che formano una banda musicale per vincere un festival in Germania.

Il progetto, composto da 3200 tra storyboard e dipinti, sarà presentato all’American Film Market.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio