Parliamo di: /

L’eroismo di Luke Cage, la Sony guarda alla Cina

In questa puntata il produttore esecutivo di Marvel's Luke Cage parla del serial Netflix e delle tematiche affrontate. Spazio all'accordo tra Sony e Wanda e le news di animazione.
Articolo aggiornato il 22/09/2017

Luke Cage

In una lunga e interessante conversazione avuta nei giorni scorsi su Deadline, il produttore esecutivo di Marvel’s Luke Cage Cheo Hodari Coker ha avuto modo di parlare del serial targato Netflix, evidenziando quale sia stata la tematica dell’arco narrativo della prima stagione e l’avere come protagonista un eroe di colore a prova di proiettile, soprattutto per una comunità afro-americana recentemente sconvolta da numerose morti a sfondo razziale per mano della polizia.

La cosa che ho pensato è stato che tutti gli eroi che ho avuto, Martin Luther King, Malcolm X, Medgar Evers, Tupac Shakur, Christopher Wallace alias Notorious BIG, Big L – tutti sono morti per via di un arma da fuoco. In particolare, quando si guarda a figure politiche e si pensa questo si pensa anche a cosa questo avrebbe significato fondendo questi due mondi, l’hip-hop e i supereroi. E se fossero stati a prova di proiettile?
Il 75-90% degli omicidi che si verificano all’interno delle comunità nere e latine sono risolvibili. Tutti sanno chi è stato o qualcuno lo sa per certo. La ragione per cui nessuno parla è perché le spie vengono picchiate e le persone non sono a prova di proiettile. Così, quando si introduce qualcuno come Luke Cage in questo ambiente, come fa la presenza di un uomo di colore a prova di proiettile a cambiare l’ecosistema di un quartiere? Non solo in termini di reato a livello stradale. Come i poliziotti reagiscono a una persona così? Quali sono gli effetti a catena nel fare questo? Questa è una delle cose che volevo esplorare nello show quando si torna a pensare a quello che accadrebbe se effettivamente avessimo un uomo di colore a prova di proiettile. Come sarebbe?
Vedere le immagini di a piedi attraversare un corridoio con un cappuccio mentre gli sparano numerose volte e le pallottole che rimbalzano su di lui… Non credo che nessuno di noi stesse pensando alle connotazioni politiche di quella sequenza in un primo momento. Ma quando si vede la potenza di quella scena ci si rende conto che avere una persona di colore con i super poteri in questo mondo, ha implicazioni più profonde. Così, da un lato, sì, sappiamo che lo show esplora quelle implicazioni, ma non siamo così ossessionati con essa dal dire che questo è effettivamente il messaggio. Lo stiamo facendo. Ma poi è qualcosa che vive e respira a modo suo.

L'eroismo di Luke Cage, la Sony guarda alla Cina

L’arco narrativo per la prima stagione di Luke Cage è l’essere un eroe. Come si diventa un eroe? Come ci si sente a essere un eroe? Come si fa a vivere la propria vita e, infine, passare attraverso le fasi del dolore Elizabeth Kubler-Ross [famosa psichiatra svizzera ndr] fino all’accettazione dell’essere un eroe.
In realtà quando abbiamo iniziato a parlare della trama generale per i 13 episodi ci siamo resi conto che saremmo stati il primo show Marvel ad avere una storia sulle origini. Ci siamo inoltre resi conto che eravamo in grado di farlo in un modo che fosse naturale. Quindi la cosa era che avevamo tracciato i primi quattro episodi prima ancora di iniziare le riunioni nella writer’s room, il che significa che ero venuto con le premesse per i primi quattro episodi.
È stato divertente perché inizialmente i primi quattro episodi, che erano tutto quello che avevo in principio, erano in realtà due episodi o tre episodi. La mia idea iniziale era che quello che era successo alla fine dell’episodio 2 sarebbe invece accaduto alla fine dell’episodio 1. Quindi quello che è successo è che Karim Zreik e Jeph Loeb della Marvel ci hanno detto: è necessario rallentare un po’.
L’inizio era come il film Gli Spietati. Si continua a percepire che Clint Eastwood è un duro per tutto il film, ma in un primo momento lo si vede solamente come un allevatore di maiali. Abbiamo avuto qualcosa del genere con questo. Continui a costruire piccoli momenti di quello che Luke può fare, ma non si è ancora veramente impegnato.
Quando sei un supereroe nero non puoi cancellare l’idea che sei nero. Se sei un nero che vive nella comunità e che desidera cambiare le cose, ci sono cose che devono accadere. Questo è vero per chiunque. Voglio dire, si potrebbe usare la celebrità come una metafora simile.
Ciò di cui Jeph Loeb ci parla sempre è che i personaggi Marvel, in generale, non chiedono i loro poteri. Si sentono gravati dai loro poteri. Una parte del trucco è: accettando il fatto che ora hanno queste capacità, saranno in grado di accettare le responsabilità che arrivano con essi? Che cosa significa essere un eroe quando non necessariamente si vuole essere un eroe? Questo non è soltanto vero per qualsiasi supereroe nero, è vero per qualunque personaggio visto in un film Western. Voglio dire, il tutto è un leit motiv che ricorda il genere Western.

L'eroismo di Luke Cage, la Sony guarda alla Cina

Mike Colter e Rosario Dawson.

In un’altra intervista, rilasciata a Variety, a parlare della serie sull’eroe di Harlem è stato invece il suo protagonista, Mike Colter. L’attore ha avuto modo di sottolineare come la sua vita sia decisamente cambiata dal momento in cui è stato scelto per interpretare il ruolo di Luke Cage.

È strano, perché cerco di non pensare alla mia vita che cambia. Questo genere di cose mi rende nervoso e consapevole e mi fa sentire coinvolto, quindi cerco di non concentrarmi su questo. È un gioco in cui io gioco con me stesso, e sono abbastanza bravo a fare questo. Indipendentemente dalle cose che stanno avvenendo nel mondo reale, nella mia testa sono ancora la stessa persona, e le cose sono le stesse. Ma sì, in un certo senso la mia vita sta cambiando.

Parlando di Luke, Colter ha evidenziato le grandi differenze nel suo personaggio rispetto alla sua apparizione nel serial su Marvel’s Jessica Jones.

[Luke] aveva il sospetto che farsi coinvolgere con Jessica sarebbe stata una cattiva idea, che non sarebbe finita bene. E penso ancora che il suo istinto abbia lasciato che venisse coinvolto, lasciandosi risucchiare emotivamente e fisicamente … Credo che abbia imparato la lezione.. Ma Luke è un romantico senza speranza, e, infine, lui funziona meglio con qualcuno accanto. Lui vuole sempre avere qualcuno al suo fianco, e questo è il suo tallone d’Achille, il volere trovare una connessione con qualcuno.
Luke è dotato di una certa profondità emotiva. Come un uomo nero nella cultura di oggi, ciò che egli rappresenta e quello che ha fatto nella sua vita – essendo un latitante in fuga, ma innocente, e allo stesso tempo non piangersi addosso – egli ha sempre pensato alla comunità e alle cose in un senso più ampio nella sua vita. Vuole più di quello che sta facendo ora. Lui è molto riflessivo sulle sue azioni. Non ha alcun ordine del giorno con i suoi poteri. Ha visto che cosa porta dare una mano. Non finisce mai bene. Non ha un costume, non ha una maschera, tutti sanno chi è. Quindi penso che tutto questo porti una certa gravitas.

L'eroismo di Luke Cage, la Sony guarda alla Cina

Mike Colter nel profilo di Variety.

Sony e Wanda

Sony Pictures e la cinese Dalian Wanda Group hanno annunciato che la società conglomerata sarà partner della major per una serie di pellicole di prossima uscita, tra cui I Puffi – Viaggio nella Foresta Segreta, nuovo reboot animato basato sui personaggi di Pejo.
Su alcuni di questi film, Wanda fornirà principalmente un aiuto per il lancio del marketing in Cina, mentre per altri, Wanda fornirà tra il 10% e il 15% di co-finanziamento.
Indiscrezioni iniziali che evidenziavano anche un coinvolgimento di Spider-Man: Homecoming come parte di questo accordo sono state successivamente corrette, con la conferma che la partecipazione di Wanda sarà limitata ad aiutare solo per quanto riguarda le capacità del marketing per lanciare il nuovo adattamento cinematografico sull’arrampicamuri con in Cina.

Il mercato cinese per i film di Hollywood continua a espandersi, e questa alleanza dà una spinta enorme per la nostra capacità di connetterci direttamente con il suo pubblico. Wanda è un giocatore dinamico dell’intrattenimento guidato dal proprio visionario presidente Wang Jianlin; siamo onorati di essere in affari con loro. Sono anche contento di lavorare di nuovo con il mio amico ed ex collega Jack Gao – ha dichiarato in un comunicato Tom Rothman, presidente di Sony Pictures Entertainment Motion Picture Group.

Dopo molte collaborazioni e discussioni, Sony e Wanda hanno raggiunto un accordo reciprocamente vantaggioso che si tradurrà nella collaborazione di queste due grandi aziende sui film più importanti. Mentre l’industria cinematografica globale continua a esplodere, Wanda stringe alleanze strategiche con varie società per favorire la collaborazione internazionale. L’esperienza senza precedenti e i successi di Wanda in Cina rendono Wanda il partner chiave nel mercato cinese – ha invece dichiarato Jack Gao.

Andy Roid

SLR Productions, società leader per l’intrattenimento in Australia, ha annunciato di avere opzionato la serie di libri bestseller per ragazzi Andy Roid, scritti da Felice Arena e pubblicato da Penguin Books Australia. Con il supporto di ABC ME e Australian Children’s Television Foundation (ACTF), SLR Productions svilupperà un franchising animato grazie a una serie televisiva di 26 episodi della durata di mezz’ora. Andy Roid sarà la prima collaborazione SLR Productions e ABC ME.

Felice ha creato un mondo fantastico nella sua serie di libri di successo con il suo estremamente attraente protagonista ed eroe Andy Roid che è per metà robot, e per metà ragazzo. Siamo molto ansiosi di sviluppare le storie e il carattere di Andy in una serie incredibile per ragazzi dagli 8 ai 12 anni di età con il fantastico sostegno di ABC ME e di Australian Children’s Television Foundation – ha dichiarato il CEO e produttore esecutivo di SRL Productions, Suzanne Ryan.

È bello vedere questa serie di libri molto popolare adattata da tali esperti nel portare properties per bambini dal libro allo schermo. ACTF è davvero contenta di essere in grado di contribuire a fare sì che questo accada sostenendo lo sviluppo della serie animata Andy Roid, e so che i ragazzi di tutto il mondo saranno in attesa col fiato sospeso per vedere il loro eroe prendere vita – ha commentato Bernadette O’Mahony di Australian Children’s Television Foundation.

Nei libri, i genitori del protagonista sono scienziati al servizio della Global Intelligence Agency (GIA), specializzati in bio-robotica. In seguito a un incidente che lo mette seriamente in pericolo di vita, i genitori ricostruiscono Andy utilizzando la loro tecnologia più avanzata e una ricerca non testata dandogli poteri sovrumani. Ora è per metà ragazzo, metà robot e sta per essere reclutato come il più giovane agente della GIA. Andy impara presto, tuttavia, che nessuna superpotenza è preziosa quanto l’aiuto del suo amico, Judd, un agente adolescente sotto copertura che diventa rapidamente il suo migliore amico, e Reggie, il suo compagno di scuola che sembra sempre avere la schiena dritta.

L'eroismo di Luke Cage, la Sony guarda alla Cina

Cinebrevi

JB Moranville, uno dei produttori del serial , basato sui personaggi della Archie Comics, è morto nei giorni scorsi. Nessun dettaglio sulle cause della morte è stato reso noto.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio