Speciali

Roberto Raviola, in arte Magnus

Roberto Raviola, in arte Magnus - magnus_speciale_slide

Un tributo che non poteva mancare

Celebriamo l’anniversario della nascita di (31 maggio 1939) con uno speciale che inizia dalla fine della carriera dell’autore bolognese. Per ricordare degnamente non si può non partire che dall’ultima sua opera, da quel lavoro monumentale che ha messo d’accordo tutti, anche i suoi detrattori, e lo ha consegnato senza più discussioni alla storia del fumetto.Roberto Raviola, in arte Magnus - tex-magnus1
Parliamo, ovviamente, de La valle del terrore; pubblicata nel 1996, l’opera stupì gli appassionati del fumetto esibendo una straordinaria versione grafica di , il personaggio più popolare del fumetto italiano.

Dall’analisi di quell’opera colossale muoverà una precisa disamina che andrà a cogliere le relazioni sussistenti fra l’arte di e le correnti artistiche che hanno condizionato il fumetto. In particolare vedremo i vincoli fra i comics e l’arte Liberty e vi mostreremo quanto e come l’Art Noveau abbia influenzato la storia del fumetto, sin dalle sue origini.

Ovviamente il discorso su Magnus non si può concludere con i pezzi che formano questo speciale. Andrà senz’altro approfondito con analisi critiche del suo stile grafico, diverso negli anni, eppure tanto coerente, nonché dei numerosi personaggi che uscirono dalla sua magica matita.

Quindi questo speciale si può vedere anche come una prima puntata di un lavoro che trova la sua ragione nell’amore verso l’arte del maestro.

Arrivederci al prossimo anniversario.

 

Articoli dello speciale

Il testamento di Magnus: La valle del terrore
Dopo tre lustri dalla prima pubblicazione, è possibile un’analisi distaccata di un’opera paradigmatica della carriera artistica di in arte Magnus?

Il testamento di Magnus: La valle del terrore e le sue diverse edizioni
Dopo tre lustri dalla sua prima pubblicazione, la conclusiva, immane e travagliata, opera di Magnus rivede la luce, nel 2011, in due edizioni piuttosto diverse.

Il testamento di Magnus: un’occasione per ripercorrere le tensioni liberty nel fumetto
Il Liberty maturo che riscontriamo nell’opera ultima di Magnus può dare spazio ad alcune riflessioni sull’influenza dei moduli artistici e popolari da cui ha attinto il fumetto.

Le vite parallele: l’artigiano e l’artista
Roberto Raviola, in arte Magnus, nasceva a Bologna il 31 maggio del 1939: questa data potrebbe essere eletta a compleanno del fumetto italiano. Magnus, infatti, è paradigma della qualità ma anche delle pene del fumetto italiano dell’ultimo mezzo secolo.

 

[fine]

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lo Spazio Bianco: nel cuore del fumetto!

Inizio