Un calendario illustrato per ricordare i giornalisti uccisi

Un calendario illustrato per ricordare i giornalisti uccisi
Inviati dalla Memoria, il calendario illustrato che racconta le storie di cronisti, fotoreporter e cineoperatori uccisi dalle mafie e dai terrorismi, in Italia e in territorio straniero.

Il 3 maggio di ogni anno, in concomitanza con la decretata dall’Assemblea Generale dell’Onu nel 1993 e organizzata dall’Unesco, l’Unci (Unione Nazionale Cronisti Italiani) ha deciso di celebrare a partire dal 2008 la Giornata della Memoria dei giornalisti italiani uccisi nel dopoguerra dalla criminalità mafiosa e dal terrorismo. La Giornata – organizzata dall’Unione Nazionale Cronisti Italiani, d’intesa con la Federazione della Stampa e l’Ordine nazionale dei giornalisti – si svolge sotto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica.

In occasione del decimo anniversario dell’istituzione della Giornata, l’associazione culturale Venti D’Autore presenterà: Inviati dalla Memoria, il calendario illustrato che racconta le storie di cronisti, fotoreporter e cineoperatori uccisi dalle mafie e dai terrorismi, in Italia e in territorio straniero.

Il progetto, il cui ricavato sarà devoluto alla Comunità Progetto Sud di Lamezia Terme fondata da Don Giacomo Panizza, è stato realizzato con il patrocinio dell’Ordine dei Giornalisti delle Calabria e con la collaborazione di , che ha messo a disposizione alcune tavole dei fumetti della collana Libeccio, graphic novel (romanzi grafici) per restituire alla collettività testimonianze dimenticate e diffondere “dal basso” la cultura antimafia. Sono le tavole di Lollò Cartisano, dalla matita di Monica Catalano, e di Pippo Fava, di . Quelle di Giancarlo Siani, di , di Cosimo Cristina di Antonio Bonanno e di Vittorio Arrigoni, dalla matita di Stefano Piccoli. Le restanti illustrazioni sono state realizzate da disegnatori e artisti locali quali Pierdomenico Sirianni, Luca Viapiana, Simonluca Spadanuda, Paola Loprete, Gessica Stancanelli, Massimo Rizzo, Giorgio Marzo ed Emanuele Stranges.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su