Le Fanie immagina “Lo Spazio Bianco”

Le Fanie immagina “Lo Spazio Bianco”
Cos'è “lo spazio bianco”? Com'è possibile riempirlo? La risposta a queste domande è affidata in questa puntata alla fumettista e illustratrice Le Fanie.

Quale concetto migliore per esaltare l’inventiva di un artista? Quale tema più liberamente interpretabile dello spazio bianco può esistere, a parte forse il suo opposto, l’oscurità?

Per questo abbiamo dato vita a uno spazio dove gli autori possano dare forma alle proprie idee e interpretazioni e, allo stesso tempo, a una piccola celebrazione del nostro sito, che intorno al concetto di “spazio bianco” è nato e che vedeva nel contorno vuoto delle vignette un non-luogo “dove i fumetti sono tutti uguali”.

Ospite di questa puntata è Stefania Becciu in arte Le Fanie con la sua  illustrazione “Il Cappotto”Buona visione.

Il Cappotto

Un antieroe, una storia tragicomica, un rivoluzionario senso di rivalsa. Fa freddo oggi, copritevi bene e ascoltate la storia di Akakij Akakievic,  la storia delle miserie umane che non hanno tempo né luogo. L’avventura quotidiana di un uomo che sicuramente avete già incontrato, senza notarlo.  Eccolo! E’ lì, in mezzo alla strada cosparse di parole” – Le Fanie

Immagine

Le Fanie

Stefania Becciu in arte LE FANIE. nasce a Genova nel 1975, figlia della classe operaia, inizia a disegnare fin da piccolissima sulle agende blu del padre, una lunga serie di illustrazioni dall’inevitabile titolo “Ansaldo”. Conserva negli anni il desiderio di imparare a disegnare, frequenta il liceo artistico serale P. Klee e anni dopo un corso di fumetto e illustrazione. Lavora come impiegata e disegna ancora, spesso temi di attualità, affascinata dall’uso della satira, ma anche ritratti di ignari modelli che il mondo dei social offre a volontà.

CONTATTI
Instagram
Facebook

btfmdn

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su