Dal 26 al 29 settembre 2019 la XVI edizione del Treviso Comic Book

Dal 26 al 29 settembre 2019 la XVI edizione del Treviso Comic Book
Il Festival Internazionale di Illustrazione e Fumetto pronto a tagliare il nastro La XVI edizione del Treviso Comic Book Festival dal 26 al 29 settembre 2019

Il Festival Internazionale di Illustrazione e Fumetto pronto a tagliare il nastro La XVI edizione del Treviso Comic Book Festival dal 26 al 29 settembre 2019. 15 mostre, workshop, conferenze, eventi musicali, oltre 250 autori ospiti, case editrici, autoproduzioni e l’immancabile due giorni (28 e 29 settembre) di Mostra Mercato nel cuore del centro storico di Treviso

 Non delude mai la varietà dell’offerta culturale e artistica targata TCBF alla sua XVI edizione. Anche nel 2019 il Treviso Comic Book Festival, la manifestazione internazionale di illustrazione e fumetto, porterà nel capoluogo della Marca Trevigiana, dal 26 al 29 settembre, i grandi nomi della settima arte e ospiti da tutto il mondo. Con 15 mostre, workshop, conferenze, il progetto Cento Vetrine e la due giorni di mostra mercato (28 e 29 settembre), TCBF sarà ancora una volta il festival diffuso della città di Treviso.

Tre luoghi di prestigio accoglieranno le esposizioni di punta di questa XVI edizione: con “Nel regno delle piccole cose” Palazzo Giacomelli, sede di Assindustria Venetocentro, ospiterà le opere di Jon McNaught, l’astro nascente del fumetto inglese pubblicato da Nobrow, che ha realizzato per il TCBF il manifesto 2019 (in allegato); Gabriella Giandelli, una delle più importanti fumettiste della storia italiana, matita di Internazionale e Repubblica, troverà casa agli Spazi di Fondazione Benetton e presenterà proprio a Treviso il suo nuovo libro per Centottantasei disegni per Repubblica“ la statunitense Jen Wang, l’affermatissima autrice vincitrice del Prix Jeunesse di Angouleme e del premio Eisner nel 2019 col volume “Il Principe e la Sarta” (pubblicato in Italia da ) terrà una personale nella preziosa cornice di Ca’ dei Ricchi.

La sede espositiva di Palazzo Robegan alzerà poi il sipario su altre quattro mostre: quella dell’americano , matita per sceneggiatori come (The Walking Dead) e Warren Ellis, con la novità “Cemetery Beach” (Saldapress Edizioni), quella dedicata all’italiano , una personale dedicata a un autore poliedrico che lavora per l’Italia, per gli Stati Uniti e per la Francia, e ancora quella della giovane Sissi. Imperatrice, donna, ribelle” col fumetto dedicato a Elisabetta d’Austria () e infine le tavole dedicate all’infanzia di Noemi Vola e Andrea Antinori.

Anche le gallerie d’arte e gli spazi culturali della città veneta aprono le porte al TCBF 2019. Sarà possibile ammirare a B#S Gallery i lavori dell’osannata illustratrice francese Cecile Dormeau, col suo lavoro che esplora il corpo femminile abbattendo cliché e stereotipi di genere, e quelli della svedese Sara Andreasson, altra artista vicina al femminismo. C’è l’ironica e irriverente autrice tedesca Nadine Redlich, a Spazio Solido. Un ritorno gradito quello di Sala d’Arme di Porta Santi Quaranta, la storica sede accoglierà le magiche opere a pastello del canadese Matt Forsythe. E ancora, alle pareti della Galleria del Liceo Artistico gli “Incantesimi dal futuro” della londinese Sophy Hollington, giovanissima talento dell’incisione.

Ma non solo, anche alcuni locali pubblici e negozi cittadini ospitano illustrazioni e tavole a fumetto degli autori chiamati a raccolta dal TCBF. Il DUMP ospiterà la collettiva di ispirazione dark, horror e underground “True Underground Manga” dei giapponesi Tetsunori Tawaraya e Daisuke Ichiba con l’italiano David Genchi. Alla pizzeria Piola sarà esposta la mostra dedicata all’autoproduzione vincitrice del premio Piola 2018: “Millenials” di Lorenzo Ghetti, Nuke e Caterina Cappelli. All’Eden Cafè, il TCBF da spazio al talento locale della trevigiana Francesca Riz, recentemente pubblicata da Ragazzi e Settenove.

Ma il Treviso Comic Book Festival è molto altro. Ecco allora i talk e le conferenze, trenta minuti per conoscere e rubare i segreti dei grandi nomi del fumetto e dell’illustrazione, tra i quali il bonelliano che con Luca Genovese e Carmine di Giandomenico tratteranno del passaggio del fumetto “Dall’edicola alla libreria”, e l’irriverente fumettista che presenterà il volume “Lassù no” edito Coconino.

In programma poi ben nove workshop per professionisti e amatori, e per i più piccoli. Da quello di fumetto di livello avanzato tenuto dal disegnatore americano Jason Howard e quello di sceneggiatura con Lorenzo Palloni, vincitore del Premio Boscarato 2017, ai laboratori per bambini di Martina Masaya alla Biblioteca BRAT sulla mitologia e quelli di Pietro Nicolaucich su come realizzare un fumetto acquerellato con le creature del bosco.

Appuntamenti importanti che ruoteranno all’interno e attorno al clou del Festival: la due giorni (sabato 28 e domenica 29) di Mostra Mercato, con gli editori, le autoproduzioni e i commercianti, che quest’anno trova sede all’ex palazzo della Questura, dismesso da dieci anni e riconsegnato per l’occasione alla città di Treviso.

Tutti in trepidante attesa per il Premio Carlo Boscarato, dedicato allo storico fumettista trevigiano e dedicato alle novità editoriali dell’anno, che avrà luogo agli Spazi di Fondazione Benetton domenica mattina.

Tutto questo e ancora di più… immersi nel clima di contaminazione artistica e culturale di un Festival, che al suo XVI anno conta oltre 250 autori ospiti e innumerevoli presenti, decine di migliaia di visitatori, oltre 300 vetrine di negozi disegnate, e di una Treviso che ha molto da offrire.

programma su www.trevisocomicbookfestival.it

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su