Claudia Petrazzi immagina “Lo Spazio Bianco”

Claudia Petrazzi immagina “Lo Spazio Bianco”
Cos'è “lo spazio bianco”? Com'è possibile riempirlo? La risposta a queste domande è affidata in questa puntata alla fumettista e illustratrice Claudia Petrazzi.

Quale concetto migliore per esaltare l’inventiva di un artista? Quale tema più liberamente interpretabile dello spazio bianco può esistere, a parte forse il suo opposto, l’oscurità?

Per questo abbiamo dato vita a uno spazio dove gli autori possano dare forma alle proprie idee e interpretazioni e, allo stesso tempo, a una piccola celebrazione del nostro sito, che intorno al concetto di “spazio bianco” è nato e che vedeva nel contorno vuoto delle vignette un non-luogo “dove i fumetti sono tutti uguali”.

Ospite di questa puntata è Claudia Petrazzi con la sua  illustrazione “Un riparo per la notte“. Buona visione.

Un riparo per la notte

Lo spazio bianco è un luogo in cui deponi le armi. Un riparo da quel che resta del mondo e dai relitti delle battaglie passate. Qui nessuno ti vede, sei al sicuro, puoi restare quanto vuoiClaudia Petrazzi

1_Un_riparo_per_la_notte

Claudia Petrazzi

Claudia Petrazzi, in arte Atomica, nasce nel 1985 ad Arezzo. Nel 2008 si diploma in scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Perugia. Lavora come animatrice stop-motion a Milano presso lo studio Yusaki mentre comincia il suo percorso di illustratrice di libri per ragazzi. Ha pubblicato con Salani, Piemme, Giunti, Deagostini, Sem editore, Il Castoro. In Francia collabora con Poulpe Fictions e Éditions Auzou. A maggio di quest’anno è uscito per Il Castoro il suo primo graphic novel: “Clara e le ombre” scritto da Andrea Fontana.

CONTATTI
FACEBOOK
INSTAGRAM
SITO WEB

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su