The Batman: Matt Reeves parla del film e delle difficoltà legate al Covid

The Batman: Matt Reeves parla del film e delle difficoltà legate al Covid
Il regista parla del film, in uscita oggi nelle sale, e delle difficoltà coin il Covid durante la lavorazione.

In un lungo reportage/intervista di Variety, il regista ha avuto modo di parlare di , il nuovo film sull’uomo pipistrello in uscita oggi nel nostro paese.

In particolare, Reeves si è soffermato sulle difficoltà legate al Covid, che hanno fermato per qualche tempo la lavorazione della pellicola causando inoltre la perdita di un membro della troupe, Andrew Jack, morto a 76 anni per il virus, contratto durante la prima settimana di produzione.

Dato che non avevamo vaccini o altro, pensavo che se mi fossi ammalato, non avrei finito il film. Quindi Reeves si è trasformato sul set in “un burrito”, indossando una maschera, un copricapo e occhialini da sub, “perché Fauci aveva detto qualcosa sul coprirsi gli occhi.

Non potevi vedere la mia faccia, e questo è il modo in cui gli attori mi hanno visto per il resto del film. Ero una specie di creatura ridicola, ermeticamente sigillata. Era assurdo.

Anche se Reeves ha detestato l’isolamento fisico dai suoi attori, questo ha comportato un vantaggio inaspettato. Per consentire a Reeves e Pattinson di comunicare sul set attraverso le barriere COVID autoimposte tra di loro, erano entrambi dotati di auricolari e microfoni.

Siamo sempre stati direttamente connessi, ed è strano, perché eravamo anche fisicamente distanti. Potrei parlargli molto a bassa voce. Penso che eravamo l’uno nella testa dell’altro. Ciò ha avuto un effetto particolare sul film.

Il regista ha poi parlato di come ha deciso di dirigere una pellicola su un supereroe, rivelando che all’inizio era restio sul realizzare questo genere di progetti, temendo che il fare parte di un universo condiviso potesse limitare la sua libertà creativa.

Ho un tale rispetto per e anche per i registi Marvel. Ma ad essere onesto con te, non so come potrei cavarmela. Ci deve essere un certo livello di scoperta per me, in cui ho una certa libertà di trovare la mia strada. Se devo entrare in qualcosa che è già impostato troppo saldamente, allora penso che mi perderei. E non credo che nemmeno loro sarebbero felici con me. Allo stesso tempo, ho capito che l’industria è cambiata in modo così drammatico che se hai intenzione di girare un film che sarà nelle sale cinematografiche, non farai nulla che non sia un IP riconoscibile. Ecco dove è andato il pubblico. Non sto dicendo che ne sono felice. Sto solo dicendo che è quello che è.

 

 

 

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *