NPE pubblica una graphic novel in memoria di Magnus

NPE pubblica una graphic novel in memoria di Magnus
NPE pubblica "Una valle", un volume cartonato a fumetti realizzato interamente in toni color seppia, pubblicato in occasione del famoso “Magnus Day” in programma il 14 ottobre: un giorno dedicato al grande Magnus, al secolo Roberto Ravera.

Comunicato stampa

Magnus_NPE_Notizie NPE – Nicola Pesce Editore pubblica una graphic novel elegante ed intensa dedicato alla memoria di .
Questo volume cartonato a fumetti, realizzato interamente in toni color seppia, viene pubblicato in occasione del famoso “Magnus Day” in programma il 14 ottobre: un giorno dedicato al grande Magnus, al secolo Roberto Ravera, che si tiene ogni anno a Castel Del Rio, la città di cui si innamorò e dove andò a vivere.

È facile rendersi conto di come il personaggio protagonista di questo libro gli assomigli in tutto e per tutto. La maggior parte del volume è ad opera di Giovanni Degli Esposti Venturi – famoso disegnatore di Zagor e di tanti altri volumi della Sergio Bonelli Editore – che purtroppo scomparve prematuramente lasciando il posto a una carrellata di grandissimi maestri del fumetto: Ruggeri, Delvecchio, Fontana, Bonfatti, Cortesi e Tisselli – che ne firma la magnifica copertina.

La storia è quella di Remo Liverani, un artista milanese che riceve l’incarico, dal proprio editore, di realizzare una serie di immagini della valle del Santerno da utilizzare per una pubblicazione. Si trasferisce a Castel del Rio il 13 novembre 1916, il giorno dell’inaugurazione della linea ferroviaria di Vallata, e qui si intrattiene fino al 1° settembre 1917.
In questi mesi, durante i lunghi pellegrinaggi bucolici in terra Alidosiana – con puntate nei paesi limitrofi di Casalfiumanese, Borgo Tossignano, Fontanelice e della Toscana settentrionale – conosce personaggi come Toni, Don Giacomino, Malù, Zappòli, Strapunzèl, Cisarètt, Scurèzza, Vinàza e tanti altri che contribuiscono a farlo innamorare di Una valle, dalla quale non vorrà andare più via…

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su