LSD Comics, un’app che è un fumetto

LSD Comics, un’app che è un fumetto
L’estetica di Alessandro Bacchetta in un progetto multimediale, un viaggio lisergico con accompagnamento musicale.

Dopo qualche anno di lavoro, a partire da un’idea di Alessandro Bacchetta, a inizio 2020 è stato lanciato un progetto di fumetto multimediale dalla forma inedita per l’attuale panorama italiano. Grazie al coinvolgimento degli sviluppatori della NoFoxGiven, i testi e i disegni di Bacchetta sono divenuti un’applicazione è scaricabile sia su Android sia su Ios dal sito www.lsdcomics.com. La storia è divisa in dieci capitoli più l’epilogo: i primi cinque compongono il primo atto e sono scaricabili e fruibili gratuitamente. Il secondo atto, contenente i rimanenti cinque capitoli e l’epilogo, è ottenibile con una spesa di 2,99 € (Android) oppure 4,99 € (IOS).

immagina 2Le vignette sono composte appositamente per lo schermo dello smartphone e sono adatte a esso. Non esiste alcuna griglia e ogni schermata corrisponde a una vignetta. Questo rende facile la lettura che risulta molto piacevole, a differenza dei classici adattamenti digitali di fumetti cartacei, i quali tendono ad aver bisogno di zoom per facilitare la lettura. I personaggi cartooneschi e i colori piatti e brillanti ricordano nell’estetica alcune serie animate dai toni sgargianti, ad esempio Gumball o Steven Universe.

Un’attenzione particolare va sicuramente data alla musica, che ha il compito di accompagnare il lettore nel viaggio insieme a Edoardo. I suoni sono stati curati da Michel Madrelli, co-genitore del progetto insieme a Bacchetta. Senza la pretesa di raccontare anch’esso una storia, l’accompagnamento musicale risulta piacevole e non invadente. Ricorda in un certo senso le colonne sonore dei videogiochi: sono proposte spesso in loop, ma la loro forza sta nel non risultare mai noiose, chi le ascolta praticamente non deve sentirle, se non nei momenti salienti di pathos.

Viene da chiedersi se si può considerare quest’opera pienamente un fumetto: il tipo di scorrimento che permette di passare da una vignetta all’altra – adottato anche da altri webcomic – crea infatti una sequenzialità che non prevede la giustapposizione delle vignette, criterio fissato da Scott McCloud (e, prima, da Will Eisner) come specifico del medium fumettistico. Inoltre, qui vi è l’aggiunta di una colonna sonora e di sporadici elementi di animazione e interazione. Certamente molti altri elementi rimandano alla forma fumettistica in modo netto, come la presenza dei balloons (il “fumetto”, appunto, che dà il nome al medium in italiano) e lo stile cartoonistico: il suo autore proviene dal fumetto e, come denota il nome del progetto stesso, viene proposto come “comics”. Potremmo avvicinare per certi versi l’opera a una forma di animazione in stop motion (che in alcune sequenze pare divenire proprio tale). In ogni caso, lo specifico del webcomic è proprio quello di far riflettere, variandola con le possibilità del digitale, sulla forma fumettistica: quindi è sicuramente un aspetto interessante dell’opera.

C’è inoltre – come detto – un tentativo, piuttosto raro almeno sul mercato italiano, di monetizzare direttamente un webcomic. Un esperimento coraggioso e ragionevole, dato che il costo è piuttosto contenuto rispetto all’offerta: si tratta di circa 500 vignette in totale, alcune come detto animate, a colori e con colonna sonora d’accompagnamento. Il fumetto è inoltre attualmente disponibile in tre lingue: italiano, inglese e francese. Tuttavia, ciò si scontra di solito con una certa resistenza – specie, forse, nel mercato italiano – ad acquistare i contenuti digitali, nella percezione magari anche errata di una certa “gratuità della rete” cui gli utenti si sono abituati, a fronte di una grande offerta gratuita di webcomic (anche di qualità). In ogni caso, anche questo aspetto rende il tentativo innovativo.

LSD Comics
La trama è coinvolgente e, come denota il titolo, lisergica. Il protagonista, Edoardo, è in un periodo difficile nel quale ha da poco affrontato la perdita del suo amico a quattro zampe. Unico appiglio per lui è la presenza di Priscilla, la sua ragazza, a cui vuole chiedere di iniziare una convivenza. È proprio in quel momento che lei lo lascia, facendolo cadere in un baratro di sconforto e pessimismo. Inizia così l’inquieto peregrinare del protagonista. Non un viaggio di ricerca, o almeno non subito, bensì un girovagare casuale. Nella speranza di incontrare un rapido conforto si imbatte in personaggi bizzarri e finisce in una voragine fisica e mentale. Alcol e droghe prendono il sopravvento e si trasformano quasi subito in una dipendenza da cui uscire sembra non essere previsto.

immagina 1Tale crisi del personaggio si incrocia con una trama di tipo sovrannaturale-esoterico, che rende aperta l’interpretazione di vari passaggi della storia. Quando appare il sovrannaturale, siamo di fronte a una mera allegoria del declino delle relazioni umane del personaggio, magari tramite la lente della sua incipiente depressione? È una allucinazione? O siamo di fronte a una manifestazione genuinamente sovrannaturale? Inoltre, molteplici sono le tematiche che potremmo leggere nelle vicende del protagonista: la provvidenza, il destino, la volontà, l’affidamento, la voglia di stare bene. Insomma, è un racconto adatto a esser calato nella vita di ognuno e ognuno può leggerci dentro la sua storia.

Un “apertura” della storia a più letture che contribuisce al senso di inquietudine prodotta nel lettore. Letterariamente, questo stilema può riandare alla tradizione del realismo magico, con nomi nobili come Gabriel Garcia Marquez o Haruki Murakami. Dato il tema depressivo e la forma particolare assunta, più che a opere fumettistiche viene da avvicinare Lsdcomics ad alcuni recenti e noti progetti videoludici. Molto famoso è Depression Quest (2013): le polemiche scatenate da quest’opera hanno prodotto, inoltre, il Gamersgate (che ha anticipato di un anno l’analogo Comicsgate nel fumetto). L’opera è un videogame puramente testuale dove seguiamo una discesa del protagonista nella sua depressione, cercando (spesso invano) di aiutarlo a uscire da quell’abisso. Temi simili, mescolati a un tema fantastico e a elementi cartoonistici appaiono anche in Doki Doki Literature Club (2017).

Aggiungiamo infine che i progetti di webcomic degli ultimi anni hanno visto un passaggio cartaceo: sarebbe possibile anche per quest’opera, che – in una versione stampata – riacquisirebbe la dimensione della sequenzialità. Tuttavia, in questo caso vi sarebbe la perdita di una parte consistente della struttura originale. Insomma, il progetto LSDComics è sicuramente da sperimentare, e rappresenta una possibile, affascinante evoluzione dal fumetto a nuove forme di webcomic sempre più ibridate con forme di animazione online e di interattività videoludica.

Abbiamo parlato di:
Lassù sopra Dio
Alessandro Bacchetta
Musiche di Michele Madrelli
Sviluppo a cura di No Fox Given
www.lsdcomics.com

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su