JLA #3

di Brad Meltzer, Ed Benes e Sandra Hope
, gen. 2007 – 48 pagg. col. bros. – 3,00euro
Prosegue la corsa di Meltzer alle redini della JLA e i nodi cominciano a venire al pettine. In questo numero scopriamo infatti l’identità dei cospiratori e di chi occupa il corpo di Red Tornado ed assistiamo al primo intervento sul campo della nuova . Da segnalare, pero’, un passo indietro per quel che riguarda la qualità delle trame: oltre al fisiologico calo di tensione dovuto allo svelamento dei punti fino ad ora irrisolti, assistiamo infatti a sviluppi piuttosto scontati e prevedibili che deludono le aspettative generate dai numeri precedenti. Un peccato perché permangono comunque spunti interessanti, su tutti la nuova condizione di essere umano di Red Tornado e la debolezza ad essa connaturata, ben delineata dall’autore (tralasciando il fatto che anche Roy Harper è un semplice uomo privo di superpoteri, ma la verosimiglianza non è certo il tratto distintivo del fumetto supereroistico). Buono, come sempre, il lavoro di Benes e Hope ai disegni, mentre l’introduzione di nuovi personaggi nella vicenda senza alcun tipo di introduzione o nota rende necessario, questa volta, il supporto di Wikipedia o strumento simile per la piena comprensione degli stessi da parte del lettore neofita. (Mattia Signorini)

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su