SHOCKDOM annuncia MANGA VIBE, la prima rivista al 100% di manga italiano

SHOCKDOM annuncia MANGA VIBE, la prima rivista al 100% di manga italiano
SHOCKDOM annuncia MANGA VIBE la prima rivista al 100% di manga italiano. Bimestrale di storie Shonen Fantasy da 23 febbraio in edicola e fumetteria.

Comunicato Stampa

SHOCKDOM annuncia MANGA VIBE la prima rivista al 100% di manga italiano. Bimestrale di storie Shonen Fantasy da 23 febbraio in edicola e fumetteria.

pubblicherà il 23 febbraio, nelle edicole e nelle fumetterie italiane, il primo numero di MANGA VIBE, la prima rivista totalmente dedicata al manga italiano. Conterrà infatti, storie solo di autori e autrici italiani, alcuni già conosciuti al pubblico, altri esordienti. Un’altra grande scommessa per la casa editrice fondata e diretta da Lucio Staiano: il manga non giapponese solo da pochissimo tempo ha iniziato a uscire dalla nicchia in cui era rinchiuso e portarlo in edicola con una rivista antologica è una decisione molto coraggiosa.

“Da sempre a Shockdom piacciono le sfide” dice Staiano “E quando Alfredo Postiglione ed Elena Toma, quasi contemporaneamente mi parlarono di questa idea, pur cosciente dei rischi, ho deciso di crederci. Forse è arrivato il momento giusto per il nostro paese di avere una rivista antologica tutta dedicata al manga italiano. Abbiamo una generazione di autori incredibili che lavorano con l’estero, che vincono premi in Giappone, e lo stile nipponico ormai fa parte della nostra cultura. Dopo tutto, sono passati più di quarant’anni dall’arrivo dei primi anime in Italia e trenta dai primi manga. A supportarci nel progetto, l’Accademia Europea del Manga, che ci ha aiutato con suggerimenti e nell’impaginazione”

unnamed

Manga Vibe avrà frequenza bimestrale e nei primi numeri saranno presenti le seguenti storie shonen fantasy:

  • After Time di Luca Molinaro e Ninfadora
  • Arkadian Oikos di AlexViva
  • Sahaam di Elena Toma
  • Sharkboy di Kitsune
  • Shingan di Ivana Murianni e Rossella Gentile
  • Zara X2 di Talita
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su