Parliamo di:

Dal web all’autoproduzione: “Il trono di spam” e il caso Advanced Nerds

Dal web all'autoproduzione: "Il trono di spam" e il caso Advanced Nerds
Breve esplorazione del fenomeno dei web-comics per arrivare a parlare di the Marius e della sua parodia della serie “Il trono di spade”, fumetto cartaceo autoprodotto che si pone come...
Articolo aggiornato il 22/09/2017

Se si pensa all’innovazione a fumetti in Italia sul lato editoria, inevitabilmente ci si deve rivolgere alla Shockdom, editore di web comics nato nel 2000 (il 19 luglio, riferiscono sul loro sito) Dal web all'autoproduzione: "Il trono di spam" e il caso Advanced Nerdscon un gruppo di 7 fumettisti, la cui punta di diamante è sicuramente eriadan, e che oggi sulla nuova piattaforma webcomics conta più di 100 webcartoonist.
Come infatti ha ricordato Lucio Staiano durante SGRUNT!, la tavola rotonda sui fumetti tenutasi nel maggio 2010 durante le libertà digitali (manifestazione su web organizzata da Wikimedia Italia), Shockdom, che all’inizio voleva essere semplicemente un sito dove sperimentare un modo nuovo per diffondere i fumetti e le animazioni, è diventato ben presto, anche grazie al successo dei 7 autori “fondatori”, un vero e proprio punto di riferimento per il webcomics all’italiana, tanto da trasformarsi nell’analogo di Blogspot per i fumetti: qualunque giovane webcartoonist, infatti, può iscriversi alla piattaforma e iniziare a postare le proprie vignette con la cadenza che più preferisce. E grazie allo Shockdom Store, i migliori (o comunque quelli considerati tali dalla redazione) avranno la possibilità di vedere i propri fumetti commercializzati su carta, o diffusi sui tablet e gli smartphone grazie ad iComics.

Di webcomics interessanti sulla piattaforma se ne trovano sicuramente: si va da strisce d’avventura classiche come la quattordicinale Frank Carter, ad altre umoristiche, come quella dell’ortolaniano Giro, ad altre più nerd come Bitmover (a sua volta realizzata con Stripgenerator) o come Advanced Nerds, scritto e disegnato da the Marius, di cui ci andremo ad occupare in questo articolo.

Dal web all'autoproduzione: "Il trono di spam" e il caso Advanced NerdsAdvanced Nerds segue quel fortunato filone che da qualche anno indaga la “nicchia ecologica” popolata dai nerd, intendendo sotto questo generico cappello tutte quelle persone fortemente appassionate di fumetti, cinema d’animazione, narrativa fantasy e di fantascienza, videogames e altra cultura d’intrattenimento affine, fino a farla diventare parte integrante del proprio modo di osservare la realtà. Se sul fronte televisivo è impossibile non pensare a The Big Bang Theory o a Chuck, o alla web-serie di Felicia Day The Guild, nei fumetti questo “mondo” viene esplorato ogni tanto da Leo Ortolani all’interno del suo Rat-Man, ed è doveroso citare Kick-Ass di Mark Millar e John Romita Jr.; ma è soprattutto nei web-comics che molti giovani autori hanno scelto di seguire la regola di Ernest Hemingway dello scrivere di ciò che si conosce, raccontando le vicissitudini tipiche di un nerd, come poteva essere fino a poco tempo fa Nerdlandia (http://www.nerdlandia.net/) o come è il fenomeno del momento, quello Zerocalcare di cui LoSpazioBianco ha già avuto modo di parlare.

Allo stesso modo, the Marius realizza periodicamente per il suo blog e per il sito di Shockdom una striscia in cui tramite gag e battute fulminanti fotografa in modo divertente e divertito le situazioni e le idiosincrasie tipiche del nerd medio. 
Come negli altri casi analoghi citati prima, è praticamente ovvio che alcuni che si ritengono nerd e leggono le strip di the Marius non si riconoscano in alcune delle scene disegnate dall’autore, ma mi sento di poter dire che gli ambiti di interesse toccati di volta in volta da Advanced Nerds siano così vari e diversificati da essere apprezzabili da qualunque nerd.

In questo modo il lettore potrà sempre approcciarsi al blog dell’autore sapendo che si parlerà di temi a lui famigliari con la garanzia però di poter anche ridere sopra a certe caratteristiche che vengono simpaticamente dissacrate grazie all’ironia di the Marius.
La riuscita unione tra la comicità che scatta dalla conoscenza di ciò che viene preso in giro e lo stile di disegno, che si pone a metà tra il caricaturale ed il realistico, genera un prodotto con un certo appeal e che riesce a distinguersi nel mare di proposte a fumetti che oggi offre il web.

Dal web all'autoproduzione: "Il trono di spam" e il caso Advanced Nerds

Al di là della striscia periodica, comunque, l’impegno di the Marius lo ha portato all’autoproduzione di ben 3 albi cartacei distribuiti ad alcune fiere del fumetto.
Ultimo in ordine di tempo, presentato allo scorso Napoli Comicon, è Il trono di spam, che si pone come una parodia del telefilm del momento, Il trono di spade.
L’albo si compone di una breve introduzione dell’autore, Dal web all'autoproduzione: "Il trono di spam" e il caso Advanced Nerdsdi 40 strisce già apparse online pubblicate in ordine cronologico e infine della storia che dà il titolo al volumetto. 11 tavole in cui the Marius prende i personaggi della serie tv e ci gioca, li fa recitare in modo scanzonato senza farsi problemi a mischiarli con characters provenienti da altri universi narrativi, prima fra tutti Star Wars
Non perdendo poi i riferimenti nerd che sono protagonisti della striscia online, ecco che la minaccia alla base del complotto raccontato è lo spam, per quanto coniugato in una chiave meno moderna.

Un lavoro piacevole, che denota tutto l’impegno che questo ragazzo mette in quello che fa, ma che non si può dire riuscito in ogni sua parte: alcune battute non colpiscono quanto si proporrebbero di fare, e alcuni passaggi della trama non sono molto chiari, complici forse le poche tavole dedicate allo svolgimento dell’intreccio, minando così il godimento completo di un fumetto che mostra di avere potenziale.
È prevista una seconda parte per Il trono di spam, che potrebbe già essere occasione per fare un salto di qualità mostrando quel che già si intuisce dai suoi fumetti sul web: the Marius ha le potenzialità per realizzare belle cose con questo medium, che vadano anche oltre le poche vignette settimanali. Non paiono essere emerse completamente in questa prova, ma la fiducia per il futuro di questo autore c’è tutta.

Abbiamo parlato di:
Il trono di spam – Parte I
the Marius
autoproduzione, 2012
36 pagine, spillato, bianco & nero – 1,50€

2 Commenti

2 Comments

  1. Jacopo Bertolotti

    30 agosto 2012 a 15:34

    “Shockdom, che all’inizio voleva essere semplicemente un sito ”
    Immagino che un pezzo del testo sia rimasto intrappolato nella clipboard durante un copia-incolla ;-)

  2. Andrea Bramini

    31 agosto 2012 a 22:02

    Grazie per la segnalazione, Jacopo. Ho messo le cose a posto :)

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio