LSB20: l’omaggio di Sergio Vanello (bis)

LSB20: l’omaggio di Sergio Vanello (bis)
Per festeggiare i 20 anni di attività del sito, vari autori hanno regalato a "Lo Spazio Bianco" un loro omaggio disegnato. Questo è quello di Sergio Vanello.

Nel 2022 Lo Spazio Bianco ha raggiunto il traguardo dei venti anni di attività ininterrotta sul web.
Per festeggiare questo traguardo, abbiamo chiesto ad alcune firme del fumetto di disegnare una illustrazione o una “micro storia” per le tre vignette che caratterizzano la nostra testata. In tantə hanno risposto all’appello con entusiasmo e non possiamo che ringraziarlə per la loro disponibilità.
Quello che trovate sotto è il secondo omaggio di Sergio Vanello.

Sergio vanelloNato a Luni nel 1968, laureato con lode presso l’Accademia di Belle Arti di Carrara e ottenuta la specializzazione nell’insegnamento presso l’Università di Pisa, è professore di Discipline Pittoriche e Arte e Immagine. La sua attività artistica si esprime soprattutto con il fumetto e la pittura. Tra le mostre al suo attivo: 1992, Galleria Selene, Milano (a cura di U. Buscioni e G. Gentile); 2000, Galerie Bertrand Kass, Innsbruck Austria; 2003 Neuen Rathauses, Ingolstadt Germania; 2004, Museo Del Marmo, Carrara; 2004, Galleria Alanda, Carrara; 2007, Artenimes, Fiera D’arte Contemporanea, Nimes, Francia; 2007, Galerie D’art Contemporain Diario Di Bordo, Montpellier, Francia; 2018, Spazio Papel, Milano, mostra Uno sguardo ad oriente. Oltre alla sua attività di pittore, si è dedicato negli ultimi anni al fumetto, in veste di disegnatore e autore. Da gennaio 2016 ha inizio la sua collaborazione con Aurea Editoriale. Nel 2017 ha inizio la sua collaborazione con per la quale ha realizzato H.P. Lovecraft – La musica di Erich Zann e altri racconti, Kafka – La metamorfosi e L’Uomo Lupo. È inoltre autore del romanzo La ghigliottina mobile, edito da Aracne Editoriale, Roma, 2013. Dal 2020 è illustratore per il mensile .

La metamorfosi, la sofferenza del Novecento a fumetti (Sergio Vanello)

L’uomo Lupo, le origini del mito
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *