Hugh Jackman: “Il ritorno come Wolverine idea sempre in agguato”

Hugh Jackman: “Il ritorno come Wolverine idea sempre in agguato”
L'attore parla del suo ritorno come Wolverine nell'atteso terzo capitolo sul mercenario Marvel.

In una lunga intervista concessa a Deadline per promuovere il suo nuovo film, The Father, che potrebbe proiettarlo verso una nuova nomination ai premi Oscar, l’attore  si è anche soffermato sul suo ritorno come in 3, affermando che l’idea di tornare a interpretare l’artigliato mutante è sempre stata in agguato negli ultimi anni.

Beh, ricordo che stavo guardando da 20 minuti e avevo appena annunciato, letteralmente, poche settimane prima che sarebbe stato l’ultimo film, cosa che intendevo pienamente. E poi ho pensato “Uh-oh”.

Poi un giorno, stavo andando in spiaggia. Era metà agosto, avevo una settimana libera dallo show [riferimento al musical di Broadway The Music Man di cui è protagonista], ed era la mia prima settimana libera in otto, nove mesi, dieci mesi. E mi è venuto in mente, “Voglio davvero farlo”. E questo è quanto.
Non appena sono arrivato in spiaggia, ho chiamato Ryan [Reynolds] solo per vedere cosa diavolo stava succedendo. E poi eccoci qui. È stato tutto così veloce. E fidati di me, non c’è stata una mattina in cui non mi sono svegliato con fuori casa mia con cartelli che dicevano: “Per favore”. Me lo chiedeva costantemente. E io ero tipo “Amico, ho chiuso. Ho chiuso, ho chiuso, ho chiuso, ho chiuso, ho chiuso. Quindi, quando mi ha chiamato [di nuovo], mi ha detto: “Dici sul serio?” Sì.

Sono un pessimo giocatore di poker. Per tutto questo tempo ho detto che avevo chiuso, lo pensavo davvero. Ma comunque, da qualche parte nel profondo, questa idea era ovviamente in agguato e in fermento.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *