Edmond Baudoin ospite di “Lezioni di Fumetto”

Comunicato stampa: domenica 1 aprile alle 18 Edmond Baudoin sarà ospite del ciclo "Lezioni di fumetto" all'Auditorium Parco della Musica di Roma (Teatro Studio)
Articolo aggiornato il 17/04/2015

Comunicato Stampa

VIVA LA VIDA! LA LEZIONE DI FUMETTO DI EDMOND BAUDOIN

DOMENICA 1 APRILE (ORE 18) ALL’AUDITORIUM PARCO DELLA MUSICA DI ROMA

Domenica 1 aprile alle 18 sarà ospite del ciclo “Lezioni di fumetto” all’Auditorium Parco della Musica di Roma (Teatro Studio)
Il noto autore francese, che collabora tra l’altro con la scrittrice Fred Vargas, parlerà del graphic novel “Viva la vida”, realizzato in coppia con Troubs: un intenso diario di viaggio e reportage giornalistico a fumetti tra le donne sfruttate e uccise in Messico a Ciudad Juárez, la città più violenta del mondo

L’INCONTRO
Nato a Nizza nel 1943, Edmond Baudoin è uno dei più grandi autori del fumetto contemporaneo. Maestro del bianco e nero, Baudoin è forse l’interprete più consapevole e significativo di un fumetto espressionista e gestuale, dove ogni segno è carico di potenza e di poesia. Le sue storie hanno esplorato i territori dell’autobiografia e dell’autofiction molto prima che questi generi diventassero di moda nel fumetto. Il suo tratto pittorico, ma che deriva con libertà e sensualità dal segno prattiano, si è sviluppato nel fumetto in una vera scrittura, come quella degli ideogrammi, e contemporaneamente molto evocativa. Per Baudoin il segno è musica, disegnare è una danza. L’ultimo libro-reportage, Viva la vida, parla delle atrocità commesse sulla frontiera messicana, e racconta la morte cruenta con la stessa spinta di speranza e di vita delle sue storie d’amore.
L’incontro con l’autore è a cura di Francesco Coniglio e Luca Raffaelli. Info e biglietti: www.auditorium.com/eventi/5101151

IL LIBROEdmond Baudoin ospite di "Lezioni di Fumetto"
Viva la vida
Autori
: Edmond Baudoin e Troubs
Titolo: Viva la vida
Collana: Coconino Cult
Numero pagine: 136, bianco e nero
Prezzo: 17 euro
ISBN: 9788876182037

“Raccontami il tuo sogno, ti regalerò un ritratto”. Con questa singolare proposta di scambio gli autori e disegnatori francesi Baudoin e Troubs hanno girato le strade e avvicinato la gente di Ciudad Juárez, la città messicana considerata “la più violenta e pericolosa del mondo”.

Nella metropoli del femminicidio, alla frontiera con gli Usa, dove centinaia di donne sono state assassinate negli ultimi anni e dove detta legge la criminalità legata al narcotraffico, anche un disegno e l’invito a raccontarsi possono accendere una scintilla di speranza. Calandosi in questa realtà degradata, dialogando con i giovani, le donne e gli uomini di Ciudad Juárez, Baudoin e Troubs hanno realizzato un intenso reportage grafico, sentimentale prima che giornalistico. Il libro ha una prefazione di Paco Ignacio Taibo II e lo spunto iniziale, ha detto Edmond Baudoin, è nato dalla lettura di “2666”, il romanzo dello scrittore cileno Roberto Bolaño che ruota intorno al femminicidio in corso a Ciudad Juárez. Dall’ascolto delle storie e dei desideri degli abitanti, dalla galleria dei loro ritratti, emerge in “Viva la vida” una città pulsante di vita e di sogni. Una città che vuole mostrare il volto della solidarietà e della speranza, non quello della brutalità e della violenza che dominano le cronache quotidiane. Un toccante diario di viaggio, un brillante esempio di giornalismo sociale e partecipe nello stile del celebre reporter Ryszard Kapuściński: una cronaca disegnata con la forza emotiva del pennello che diventa un appassionante inno alla vita.

“Baudoin e Troubs (…) mostrano una profonda empatia con i dannati della terra. Narrano l’impossibile: i sogni dei sopravvissuti. Hanno la vocazione di camminare e raccontare, dando voce a chi non ce l’ha”.  Paco Ignacio Taibo II

GLI AUTORI

Edmond Baudoin, nato a Nizza nel 1942, è uno dei più apprezzati autori del fumetto francofono e internazionale. Ha vinto tra l’altro due volte il prestigioso premio Alph’Art del festival di Angouleme, nel 1992 e 1997. Ha realizzato insieme alla celebre scrittrice di gialli Fred Vargas il graphic novel “I quattro fiumi”. Per Coconino Press-Fandango ha già pubblicato in Italia “Piero”, intenso romanzo autobiografico di formazione.

Troubs (Jean-Marc Troubet) è nato nel 1969 a Pessac (Francia). Elementi costanti nella sua opera sono la narrazione autobiografica e i taccuini di viaggio, nei quali riversa il racconto degli incontri e delle esperienze fatte in giro per il mondo, dall’Australia (Walkatju) al Madagascar (Manao Sary).

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

   

Inizio