L’uomo che ride (David Hine, Mark Stafford)

L’uomo che ride (David Hine, Mark Stafford)
David Hine e Mark Stafford traspongono in fumetto l'omonimo romanzo di Victor Hugo che racconta la sfortunata vita di Gwynplaine, uomo sensibile dal viso permanentemente sfigurato.

page_1Quando si sente il nome di Victor Hugo scatta in automatico l’abbinamento mentale ai suoi romanzi più noti come I Miserabili, ma difficilmente con L’homme qui rit, libro ai più sconosciuto, scritto a fine carriera dal noto autore, sebbene sia stato uno delle principali fonti di ispirazione per la creazione grafica del Joker, il villain per eccellenza di .
La trasposizione a fumetti è sicuramente stata una bella sfida, visto che adattare l’impegnativo scritto originale, una sorta di guida alla (poca) morale e alla ferocia della nobiltà britannica dell’epoca e una denuncia della indigenza a cui avevano ridotto il popolo inglese, è difficile.
giustamente sceglie di seguire principalmente la triste vita di Gwynplaine (anche se rimane presente la critica sociale), il protagonista dal sorriso permanente, una felicità forzata stampagli sul volto da una tortura subita nelle sua infanzia.
Il mirabile lavoro di taglia e cuci, condito da qualche passaggio inedito alla sceneggiatura, ci restituisce la sua vita impietosa, tutta la tristezza, la nobiltà d’animo e l’amore per Dea, cieca compagna di viaggio dalla bellezza eccezionale, la sofferenza per la sua condizione fisica che lo rende per tutti solo l’uomo che ride, un fenomeno da baraccone.
Un lavoro notevole che viene amplificato dagli splendidi disegni di , bravo a coniugare linee morbide ad altre più dure, in uno stile che ricorda a tratti il grande Kevin O’Neill. Tavole impreziosite dal grande formato del volume che permettono di ammirare il talento del disegnatore e le stupende caratterizzazioni date ai personaggi. Fumetto di valore.

Abbiamo parlato di:
L’uomo che ride
,
Traduzione di Gloria Grieco
, 2021
168 pagine, cartonato, colori – 22,50 €
ISBN: 9788836270040

Luomo-che-ride_3

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su