Wes Ball parla del film di Mouse Guard, vittima dell’accordo Fox/Disney

Wes Ball parla del film di Mouse Guard, vittima dell’accordo Fox/Disney
Il regista parla a ruota libera della morte dell'adattamento per il grande schermo del fumetto targato Boom Studios.

Alcuni giorni dopo avere postato un video riguardante , adattamento cinematografico dell’omonimo fumetto dei Boom! Studios, e avere annunciato ufficialmente che il progetto è definitivamente morto, il regista ha parlato a ruota libera con Deadline del progetto, prima vittima eccellente dell’accordo tra Fox e Disney.

Beh, forse avrei dovuto chiedere il permesso prima di pubblicare quel filmato – ha dichiarato Ball – Potrei essere nei guai, ma molti artisti hanno lavorato molto duramente e mi ha ferito il cuore che nessuno avrebbe visto il loro lavoro… questo era un teaser realizzato come test, e speravo che potesse aiutare il film. Ma vorrei averlo chiesto.

La verità è che questo film è stato fatto per un budget modesto. Rispetto ad un sacco di grandi film di animazione, eravamo piuttosto a buon mercato…. questi numeri del budget sono sempre confusi, ma avevamo un finanziatore esterno impegnato per metà del budget, e ci eravamo qualificati per avere gli incentivi fiscali di Los Angeles.

Parlando in maniera più approfondita dello sviluppo del film, Ball ha avuto modo di ringraziare Emma Watts della Fox, che a suo parere si è dimostrata sempre molto positiva verso il progetto.

Emma è stata fantastica durante tutto il processo. Abbiamo realizzato tre film assieme… e la prima volta che mi ha chiesto cosa volevo fare dopo Maze Runner le ho detto ‘qualcosa di piccolo’ e lei mi ha detto di renderlo grande e renderlo fico. Stavano parlando di Mouse Guard, di questi topi con le spade. Mi ha chiesto di dargli una occhiata e di pensarlo come fosse Avatar, e a cosa avrebbe fatto James Cameron. Ho portato i fumetti a casa, ho visto le immagini e mi sono bloccato su questa idea: Avatar con topi medioevali. Fu allora che iniziò a concretizzarsi, quando le possibilità si presentarono e le idee iniziarono ad emergere. Ci ha dato un po’ di soldi per coinvolgere il Fox Visual Effect Lab, che lei e Stacey Snider hanno creato. Abbiamo coinvolto Glenn Derry, che ha disegnato i film di Cameron, con l’obiettivo di creare un trailer per mostrare come i topi potevano davvero camminare e combattere. Quindi, 12 o 13 settimane dopo, abbiamo realizzato un trailer di prova, con un’ottima pre- visualizzazione. Abbiamo coinvolto WETA, abbiamo avuto Dan Lemmon, che ha realizzato gli effetti visivi su Cesare per il Pianeta della Scimmie di Matt Reeves. Abbiamo avuto i migliori artigiani, dal mio punto di vista.

Il regista ha sottolineato che Emma Watts aveva chiesto alla Disney se era possibile vendere il film a un altro studios, e che il problema maggiore era provare ad aggiornare una versione a basso costo dell’adattamento basandosi su tutto il lavoro di pre-produzione che era stato fatto.

Questo film sarà rilevante fra cinque anni come lo è ora – ha detto il regista nella speranza che il progetto possa essere rilanciato in futuro – Ho fiducia in questo e forse l’attenzione ispirerà qualcuno a fare questo. Tutto quello che voglio è vedere il pubblico nelle sale reagire a tutte le cose incredibili che abbiamo sognato.

2 Commenti

2 Comments

  1. Anders Ge

    30 Giugno 2019 a 11:51

    Il regista ha sottolineato che Emma Watts aveva chiesto alla Disney se era possibile vendere il film a un altro studios,… e? Niente da fare? Se non lo produciamo noi non lo produce nessuno? Quindi? Comunque sia, Disney ha le finanze per fare quello che vuole, ma allo stesso tempo sarebbe meglio non ci fosse. Peccato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su