Alessandra Melarosa immagina “Lo Spazio Bianco”

Alessandra Melarosa immagina “Lo Spazio Bianco”
Cos’è “lo spazio bianco”? Com'è possibile riempirlo? La risposta a queste domande è affidata in questa puntata a Alessandra Melarosa.

Quale concetto migliore per esaltare l’inventiva di un artista? Quale tema più liberamente interpretabile dello spazio bianco può esistere, a parte forse il suo opposto, l’oscurità?

Per questo abbiamo dato vita a uno spazio dove gli autori possano dare forma alle proprie idee e interpretazioni e, allo stesso tempo, a una piccola celebrazione del nostro sito, che intorno al concetto di “spazio bianco” è nato e che vedeva nel contorno vuoto delle vignette un non-luogo “dove i fumetti sono tutti uguali”.

Ospite di questa puntata è Alessandra Melarosa con la sua illustrazione “Il mio Spazio Bianco” in doppia versione: quella originale in bianco e nero e quella colorata per l’occasione da Francesco SegalaBuona visione.

Il mio Spazio Bianco

“C’è qualcosa di più importante della logica: l’immaginazione.” Alfred Hitchcock
E’ questa la frase a cui mi sono ispirata per l’illustrazione. Ed è proprio questo per me lo Spazio Bianco: un privilegio che nessuno mai ci potrà togliere. – Alessandra Melarosa

 

Alessandra Melarosa

Alessandra Melarosa nasce a Bari nel 1991. Frequenta il Liceo Artistico, diplomandosi in Architettura. Successivamente si iscrive all’Accademia di Belle Arti laureandosi, tra un fumetto e l’altro, in Scenografia Cinematografica Effetti 3D. Non contenta continua gli studi frequentando un master a Roma in illustrazione digitale. Dopo un periodo di pausa riprende in mano matita e gomma, inizia a lavorare come illustratrice e da vita alla sua collaborazione con i ragazzi del Collettivo La Stanza.

19029530_10211703120405678_7097714027265473270_n_Immagina lo spazio bianco

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su