Cropped Crippa Testata Blog.jpg

Professione: invisibile

Bambini, oggi parliamo di EGOCENTRICITÀ. In questa precisa accezione: “io scrivo, tu leggi”. Il XX secolo ha visto la categoria Scrittori sfornare vere e proprie star. Uomini comuni abili nella prosa diventano all’improvviso idoli delle masse, volontariamente (Dan Brown) e involontariamente (Salinger). La professione del romanziere è più che sdoganata da parecchio tempo. La figura […]

10 mins read

Lynchiano

Quando il tuo cognome diventa un aggettivo significa che sei arrivato. Che tu sia fumettista, regista, poeta, scrittore, politico, non importa, questo assioma si applica a tutte le categorie. Disneyano, bonelliano, felliniano, argentiano, romeriano, spielbergiano, leopardiano, kafkiano, kingiano, tacheriano, reaganiano. Alcuni di questi termini non vengono nemmeno sottolineati in rosso dal correttore di bozze di […]

25 mins read

La Macchina del Tempo

Flashback, flashforward, ellissi temporali, ritmo. In una parola: montaggio. Anche se non lo sai, ti piace leggere delle storie perché, a differenza della tua vita che è noiosa e priva di colpi di scena, le storie non hanno punti morti, situazioni superflue, attese estenuanti di qualcosa che non arriverà mai. O perlomeno le storie belle […]

15 mins read

90

Per “quelli della mia generazione”, quelli nati nel bel mezzo degli anni di piombo, del rock progressivo e dei poliziotteschi, gli anni ’80 sono stati il decennio che li ha traghettati dall’infanzia all’adolescenza, con tutti i traumi che ne conseguono (provate voi a girare con le Lumberjack a 12 anni in piena era paninara. C’è […]

18 mins read

Il sabato del villaggio

Giacomo Leopardi individuava nell’attesa della festa la vera gioia. Il pensiero della gioia che verrà è più intenso del godimento della gioia in sé, che in realtà non arriva mai. Per il malaticcio poeta di Recanati la condizione umana è questa: la felicità è irraggiungibile, godiamo almeno al pensiero di essa. Pensiero, non speranza. Ché […]

8 mins read

Dailan Dog

Sarà l’effetto del trentennale. Sarà che fuori piove. Com’è, come non è, eccovi un’ampia e personalissima esegesi del numero 19 di Dylan Dog, uscito in un uggioso giorno d’aprile nelle edicole italiche nell’anno di grazia 1988. So che sono solo l’ultimo di una lunghissima tradizione di lettori, critici, autori, blogger, simpatizzanti, amanti, fan, che da quel giorno […]

11 mins read

the Sclavi identity

Oggi, 2016. Tutti condividono facce, lineamenti, smorfie, corpi, forme. On line e off line. Tutti devono far sapere al mondo che tipo di conformazione ha la propria testa e cosa contiene quella testa. A me non interessa. Ieri, 1986. Avrei dato un braccio per un poster di Tiziano Sclavi, da incorniciare nella mia cameretta di […]

7 mins read

Kirkman, il reietto: di zombie, esorcismi e quant’altro

Ed eccomi qua, con la prontezza che mi contraddistingue, a parlare, tra le altre cose, di Outcast, l’ultima fatica fumettistica e televisiva di quel ragazzotto americano che ha cambiato per sempre la percezione dell’horror nel mondo, ovvero Robert Kirkman. Lo so, ne hanno già parlato tutti, della serie a fumetti e di quella televisiva, ma […]

16 mins read

80

Cos’è restato degli anni ’80? Neon, synth, brutte pettinature, mostri grossi e cattivi. E una certa linearità narrativa. Che, in alcuni casi, fa rima con solidità e coerenza. In alcuni casi ne hai bisogno come di acqua fresca in mezzo al deserto a mezzodì. O in pieno centro Milano a fine luglio. Ma partiamo dall’inizio. […]

15 mins read

L’eleganza dell’inadeguatezza

Caro diario, settimana scorsa ho fatto un workshop di sceneggiatura di tre giorni. Normalmente questa frase, pronunciata negli ultimi dieci anni della mia vita, aveva un solo significato: IO spiego come si scrive una sceneggiatura ad ALTRI. Stavolta è stato il contrario. Un ALTRO spiega a ME come si scrive una sceneggiatura. Dopo tanti, ma […]

9 mins read