2014 alle spalle, 2015 alle porte – il pensiero di Andrea Bramini

Il 2014 ha dimostrato di essere un anno importante per il fumetto in Italia.3058cover
Il settore, nonostante le diffuse e trasversali difficoltà economiche, ha visto diversi eventi che denotano voglia di evolvere e di proporre al proprio pubblico nuovi stimoli per fidelizzarlo e per proseguire brillantemente: la “fase 2” di Dylan Dog e la seconda stagione di Orfani sono solo due esempi che testimoniano le operazioni di rinnovamento messe in campo dalla Sergio Bonelli Editore, mentre la Disney – sotto la gestione Panini Comics – ha riportato in vita PK e ha pubblicato diverse nuove testate da edicola e fumetteria.
E mentre i supereroi Marvel e DC continuano a vedere regolarmente la luce grazie a Panini e RW-Lion, il film di Gabriele Salvatores Il ragazzo invisibile esplora per la prima volta in Italia questo genere narrativo, portando avanti un progetto cross-mediale che tocca anche la realtà fumettistica.
Lo Spazio Bianco, durante quest’anno, ha cercato di muoversi in tutte le direzioni possibili e al netto delle forze disponibili ha fatto di tutto per restare aggiornato su questo panorama tutt’altro che dormiente, approfittandone per rinnovarsi anche nella veste grafica e nell’impostazione tecnica.
I problemi nel settore non mancano, ma personalmente credo che la direzione intrapresa sia positiva… e nel mio piccolo, cercherò nel prossimo anno di continuare a dare visibilità ai progetti fumettistici più meritevoli, grazie alla possibilità che mi dà Lo Spazio Bianco.