Zagor #643 – Spedizione nel deserto (Burattini, Kerac)

Zagor #643 – Spedizione nel deserto (Burattini, Kerac)
Continua la lunga saga imbastita da Moreno Burattini per Zagor, in un’avventura che si muove con disinvoltura tra western e antica Grecia, impreziosita dai disegni di Bane Kerac che donano ai paesaggi e allo stesso Zagor una sorprendente maestosità.

Zagor_643_cover_BreVisioni In questa seconda parte della lunga saga partita nel numero scorso e che proseguirà nel numero di marzo, continua, come da tradizione zagoriana, a mixare con efficacia inusuali atmosfere, anche lontane tra loro, in cui fa muovere lo Spirito con la scure e gli altri personaggi.
Questo mese l’avventura continua a dipanarsi nella Monument Valley e il genere western della narrazione si fonde con le digressioni storiche alla base della storia, che vedono l’antica biblioteca di Alessandria e la matematica e astronoma Ipazia quali protagoniste.
Burattini continua a mantenere alto il ritmo del racconto, ripetendo la tripartizione già messa in atto il mese scorso: apre l’albo con una sequenza adrenalinica e lo chiude con un altrettanto avvincente cliffhanger. Nel mezzo, invece, inserisce sequenze più pacate di approfondimento e spiegazione, impreziosite stavolta da un colpo di scena posto a un terzo della storia che, oltre ad arricchire e complicare la trama, permette allo sceneggiatore di mettere in risalto l’entrata in gioco di una figura femminile ben caratterizzata.
Bane Kerac continua a muoversi con disinvoltura tra scenari western e antiche costruzioni greche e Burattini ritaglia per lui pagine mute in cui viene fuori in tutta la potenza che il segno del disegnatore serbo riesce a donargli. Visto il risultato, sarebbe interessante in un prossimo futuro vedere Kerac all’opera su Tex.

Abbiamo parlato:
Zenith #694 (Zagor #643) – Spedizione nel deserto
Moreno Burattini, Bane Kerac
, febbraio 2019
96 pagine, brossurato, bianco e nero – 3,50 €
ISSN: 977112253400160694

Zagor_643_int_BreVisioni

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su