X-men deluxe #121

di Cassaday, Whedon, Claremont, Lopresti ,Winick, Henry
– 96 pagg. bros. col – 3,50euro
La ciclica operazione pubblicitaria di rilancio delle testate mutanti giunge in Italia portando con sé tre serie nuove di zecca. L’ottima Astonishing x-men si fregia dei disegni del migliore illustratore americano mainstream in attività, quel che abbiamo visto in costante perfezionamento sulle pagine di , mentre la sceneggiatura di Whedon è caratterizzata da una buona cura nel delineare i personaggi attraverso poche situazioni pregnanti condite da dialoghi rarefatti ed efficaci. Le altre serie sono tutte di livello inferiore, eppure stupisce vedere su Excalibur un Claremont molto meno retorico e pesante del solito, finalmente capace di costruire una storia tutto sommato leggibile, accompagnato da un buon team artistico: resta sempre pericolante sul baratro della mediocrità, ma sembra avere trovato un equilibrio. Academy x appare una serie modesta per testi e disegni, mentre Exiles è divertentissima se la si legge senza pensare, ammirando la plasticità del “realismo cartoonesco” di Clayton Henry, preparati a vedere molti supertizi in tuta che se le danno di santa ragione in una serie di universi paralleli che scimmiottano quello classico della . Astonishing finisce insomma per risaltare la povertà delle altre storie, e si rivela l’unico valido motivo per acquistare la rivista, sempre che siate disposti a pagare quattro storie per leggerne una sola. (Umberto Monzani)

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su