X-Men #8: fate le cose a M.O.D.O.K.

X-Men #8: fate le cose a M.O.D.O.K.
Gerry Duggan continua a proporre ai suoi X-Men, mese dopo mese, nuovi nemici con cui confrontarsi: questa volta tocca a M.O.D.O.K.

X-Men_8_coverArrivati all’ottavo albo degli X-Men della gestione , è ormai evidente come lo sceneggiatore abbia improntato la sua scrittura di queste avventure mutanti secondo uno schema preciso che, salva variazione estemporanee, sta riproponendo mese dopo mese.
Detto dell’impostazione autoconclusiva delle storie retaggio della precedente gestione Hickman, Duggan costruisce la narrazione intorno a un nucleo di stampo avventuroso – lo scontro della squadra di eroi mutanti con il villain di turno – ritagliando nella sceneggiatura piccole sequenze di confronto tra i membri della squadra, che ne approfondiscono psicologia e rapporti. Sia l’una che l’altra di queste componenti concorrono a portare avanti una trama orizzontale a medio/lungo raggio che fa da sostrato portante della serie.
In questo caso, la lente dello sceneggiatore si concentra sulla figura di Synch, il suo rapporto con Laura/Wolverine e sul confronto finale con Ciclope, che risolve in modo intrigante e senza banalizzarlo il mistero dei numeri precedenti con protagonista Ben Urich.
Il nocciolo action della storia è invece rappresentato dallo scontro con M.O.D.O.K., storico villain tornato in auge grazie a una divertente e caustica serie animata su Disney + e una miniserie a fumetti. Anche in questo caso Duggan non banalizza l’antagonista, andando a recuperare l’elemento familiare privato di questo scienziato pazzo, già venuto fuori nella serie TV e nei fumetti.
Definire disegnatore sostituto di è ormai ingeneroso, visto che entrambi si stanno equamente alternando sulle pagine della testata. A Pina va dato merito di aver da subito dato omogeneità ai disegni ispirandosi allo stile del connazionale (ormai canone per mutanti degli ultimi tre anni) ed è indubbio che, albo dopo albo, il suo segno sia maturato diventando più sicuro e anche più originale e riconoscibile, smarcandosi da un pedissequo e pericoloso manierismo. Ci pensa poi la palette di , come sempre, ad uniformare, a valorizzare e a dare profondità alle pagine.

Abbiamo parlato di:
X-Men #8 (Gli incredibili X-Men #389)
, ,
Traduzione di Fabio Gamberini
, maggio 2022
32 pagine, spillato, colori – 3,00 €/cad.
ISSN: 977112423600210389

X-Men_8_int

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su