Wonder Woman 3 non è una priorità per i DC Studios

Wonder Woman 3 non è una priorità per i DC Studios
Emergono i primi dettagli sui nuovi piani della dirigenza per i film DC Comics, e l'amazzone non è tra questi.

Secondo quanto riportato da THR, e si dovrebbero incontrare con il CEO di WBD, David Zaslav, nei prossimi giorni per presentare i nuovi piani riguardanti gli adattamenti DC comics sul grande schermo.

Sebbene gran parte del piano, che addetti ai lavori dipingono come work in progress, sia ancora tenuto segreto, alcuni dettagli sono emersi nelle ultime ore. Diverse fonti hanno indicato che , il terzo capitolo con Gal Gadot non sta andando avanti ed è attualmente considerato morto nella sua presente incarnazione.

Le fonti indicano che la regista ha presentato un trattamento dello script assieme a Geoff Johns, ma che le sarebbe stato detto che il progetto, così come è al momento, non si adatterebbe ai nuovi piani della dirigenza, e nessuna decisione sui prossimi passi da intraprendere sul film è stata ancora presa.

Gal Gadot avrebbe dovuto ricevere per la pellicola un compenso di 20 milioni di dollari, mentre la Jenkins 12 milioni. Altre indiscrezioni segnalano che sia che Jason Momoa hanno un cameo in The Flash, ma che ci sarebbe un dibattito interno sul mantenere o meno quello di , girato a settembre, che potrebbe promettere qualcosa al pubblico che poi non sarebbe mantenuto in futuro. Ci sarebbero state discussioni su un sequel dell’uomo d’acciaio, che avrebbero visto l’interesse del regista di The Flash, , ma questo prima dell’arrivo di Gunn e Safran, con idee differenti in merito.

Emergono inoltre interessanti scenari su Jason Momoa, che secondo quanto riportato potrebbe emergere come una figura cardine nei nuovi piani, secondo diverse fonti. In uno scenario, l’attore avrebbe concluso i suoi giorni nei panni dell’eroe subacqueo Arthur Curry con il sequel in uscita il prossimo anno, ultimo film realizzato dal regime precedente della major. Ma non significherebbe la fine del coinvolgimento dell’attore con la DC, in quanto le stesse fonti affermano che l’attore potrebbe poi interpretare un altro film facente parte di un altro franchise. Il personaggio in questione sarebbe Lobo, il cacciatore di taglie intergalattico sboccato e masticatore di sigari, che nelle ultime settimane è stato collegato all’attore tramite diversi rumors non confermati.

Il personaggio di Lobo, secondo il sito, si manterrebbe in linea con la specialità di Gunn di prendere personaggi atipici e quindi degli anti-eroi, e trasformarli in franchise di successo così come già fatto con e il franchise dei Guardiani della Galassia per i .

L’articolo sottolinea infine l’improbabilità di un sequel di che ha incassato solo 385 milioni di dollari nel mondo. Costato 190 milioni, con un costo effettivo di 230 escluso il marketing, il film sarà già fortunato a raggiungere il pareggio anche con entrate accessorie. Anche se il film dovesse ottenere un profitto minimo, i costi intrinseci di un seguito offuscherebbero qualsiasi prospettiva.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *