Wolverine #1 – Il ritorno (Percy, Kubert, Bogdanovic)

Wolverine #1 – Il ritorno (Percy, Kubert, Bogdanovic)
Panini Comics pubblica lo spillato Wolverine #1, nel quale Benjamin Percy, Adam Kubert e Viktor Bogdanovic celebrano il ritorno di Logan.

wolverine coverDal 2015, quando fu pubblicata in Italia La morte di Wolverine, il Logan “classico” non godeva di una propria serie regolare. A un lustro di distanza il ritorno avviene in grande stile per merito dello sceneggiatore Benjamin Percy, che coglie l’essenza del personaggio e le dà voce attraverso le didascalie presenti nei due capitoli che insieme formano Wolverine #1. Oltre ai pensieri del protagonista, sono perfettamente in linea con la sua caratterizzazione abituale anche le parole che proferisce dialogando con amici e avversari. Nella prima storia, Il cartello dei fiori, l’artigliato deve rinunciare alla felicità che vive su Krakoa, per provare a risolvere un particolare traffico di droga. La narrazione è in continuità con le trame articolate da Jonathan Hickman nelle miniserie House of X e Powers of X, nella serie ammiraglia X-Men e con il lavoro che lo stesso Percy sta svolgendo sulla testata X-Force. Il passaggio dalla quiete al pericolo è evidenziato dalle matite di , apprezzato artista già legato alle vicende del litigioso mutante, che distribuisce prima sorrisi e poi smorfie di dolore sul volto dell'(anti)eroe. Il disegnatore gestisce con efficace versatilità la gabbia, giocando con vignette quadrate, rettangolari e tonde disposte in modo dinamico e funzionale alla lettura. Al centro del secondo racconto, Catacombe, illustrato da Viktor Bogdanovic, emulo di Greg Capullo, è un elemento già approfondito da Percy nella sua gestione di Green Arrow: si tratta del sangue, stavolta quello di Logan, bramato dai Vampiri.

Abbiamo parlato di:
Wolverine #1 – Il ritorno
Benjamin Percy, Andy Kubert, Viktor Bogdanovic
Traduzione di Fabio Gamberini
Panini Comics, maggio 2020
72 pagine, spillato, colori – 6,00 €
ISBN: 977112422790100402

wolverine interno

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su