Parliamo di:

Il Valerian di Luc Besson, i progetti Fox/Boom Studios

In questa piccola ma densa puntata di fine estate Luc Besson parla di Valerian, dietro le quinte dei progetti Fox/Boom Studios e Gotham,
Articolo aggiornato il 22/09/2017

su Valerian e EuropaCorp

In una lunga intervista concessa nei giorni scorsi a Deadline, il regista Luc Besson ha avuto modo di parlare dell’atteso adattamento cinematografico di Valerian che si appresta a dirigere, rispondendo anche ad alcune domande sulla società di produzione EuropaCorp, soprattutto sul fatto che quest’ultima è partner di Relativity Studios, recentemente andata in bancarotta, e sui rischi che questo fattore potrebbe in qualche modo rappresentare per il film.

Sto per fornirvi un esempio molto semplice. In Francia, abbiamo una associazione per la distribuzione in video con Fox, Pathe e Europa. Stiamo condividendo il costo di FPE, un terzo ciascuno. Funziona molto bene. Prima di allora, era Fox, Pathe e Canal Plus. Canal voleva andarsene, e abbiamo preso il suo posto, quindi ecco FPE. Negli Stati Uniti ora c’è RED [joint venture tra EuropaCorp e Relativity ndr], e RED ha due clienti. Europa e Relativity. Stiamo pagando il 50 per cento, e loro pagano l’altro 50 per cento, e questo è tutto. Io non so nemmeno quello che producono. Non vado nei loro uffici. Non so quello che stanno facendo. È il loro business, così come non so cosa Fox sta facendo nel settore video in Francia. Per noi, è esattamente lo stesso. Abbiamo sentito quello che è successo, e siamo rimasti sorpresi e mi dispiace, ma non è il nostro business. RED è un’entità di per sé, uno strumento utilizzato dai due clienti. È come se fossimo sullo stesso piano di un edificio. Abbiamo un appartamento, e il vicino di casa ha un altro appartamento, ma non abbiamo nulla a che fare con l’altro appartamento. Non è nostro, ma l’edificio è bello. Il vicino di casa ha un problema. Questo è tutto. I conti sono completamente separati. Abbiamo il nostro fondo di distribuzione e quello che vogliamo fare con i film, e questa è la nostra unica preoccupazione.

Il Valerian di Luc Besson, i progetti Fox/Boom Studios

Parlando poi nello specifico del film su Valerian, il regista ha parlato delle sensazioni scaturite dall’apprestarsi a realizzare questa pellicola, un progetto che aveva in mente da diversi anni, e della condivisione che sta effettuando su instagram e twitter tramite la diffusione di alcuni storyboard del lungometraggio.

Se non fosse stato naturale, non sarei stato in grado di farlo. Ma questa è una tale avventura per me, e so che è davvero un punto di svolta. Questo è un film grandioso. È costoso. È in 3D. È su Imax. Di solito, solo i grandi studios fanno questo tipo di film, e solo persone come Spielberg e Lucas, James Cameron e Peter Jackson fanno questo tipo di film. Non mi sento pretenzioso; sono solo emozionato all’idea di provare a seguire questi ragazzi perché sono i miei eroi. Sono i miei ragazzi. Mi impressionano spesso, e voglio solo giocare con loro. Quindi sono ansioso, e ho voluto condividere tutto questo. Non è il tipo di avventura in cui lo dico a tutti i miei amici della stampa e tutti gli altri, e poi ci si rivede tra due anni. Questo è un progetto molto grande. Voglio condividerlo, e preferisco correre il rischio che, lungo la strada, alcune persone possano tradirmi, perché questa è la natura umana, e mi dispiacerebbe. Ma preferisco correre il rischio e condividerlo con un paio di migliaia che mi seguono su Instagram o con le notizie attraverso di voi.

È la prima volta nella storia del cinema in Europa che abbiamo intenzione di fare questo tipo di film. L’ultimo esempio è stato “Il quinto elemento”. È come dire a qualcuno che si sta andando alle Olimpiadi per correre, e non c’è Usain Bolt accanto a te. E tu dici: chi se ne frega, voglio correre lo stesso.  Ho imparato due cose. “Il quinto elemento” è stato l’ultimo film ad essere fatto con i vecchi effetti speciali, perché il digitale non c’era ancora. Sei mesi più tardi, si poteva praticamente fare quello che volevi. Ne “Il quinto elemento”, dovevo bloccare la mia cinepresa per otto ore. Dovevamo mettere i puntini sulle pareti ovunque. È stato un incubo. Abbiamo avuto qualcosa come 180 sequenze di effetti speciali. Su Valerian, ne abbiamo 2.370.

In un altra intervista concessa invece alla radio francese RTL, Besson ha spiegato che il film su Valerian probabilmente non otterrà i crediti d’imposta francesi perché sarà girato in lingua inglese. Questi crediti sono di vitale importanza per il film, che avrà un budget di circa 170 milioni di euro (195 milioni di dollari), cifra senza precedenti per la Francia e che rivaleggia con quelle delle grandi produzioni hollywoodiane.

C’è un piccolo problema chiamato crediti d’imposta … Ho un film francese girato in inglese e così ho diritto a zero incentivi come film francese – ha spiegato il regista, il quale ha aggiunto di avere cercato di far passare il film come una produzione straniera, senza però alcun risultato in quanto la sua società di produzione EuropaCorp è francese – Sono in un buco nero legale. Di conseguenza non so se lo girerò in Francia, anche se vorrei farlo nel mio paese con una troupe francese.

Besson ha osservato che, se avesse girato la pellicola in Ungheria, avrebbe potuto recuperare crediti per un valore fino al 40 per cento degli investimenti della sua azienda.
Alle dichiarazioni del regista ha risposto direttamente il ministro della Cultura Francese Fleur Pellerin, sottolineando che il progetto di Besson non avrà alcun trattamento speciale.

Io non faccio il regolamento o la normativa per casi specifici, ma penso in generale alla capacità di attrazione del territorio francese. Io continuo a lavorare per rendere questi dispositivi ancora più attraenti e sarei ovviamente felice se il film di Luc Besson avesse potuto usufruirne, sia per i posti di lavoro che promette sia per il valore aggiunto che avrebbero creato le riprese di questo film in Francia, beneficiando il nostro territorio piuttosto che quello dei nostri vicini…

Boom! Studios e Fox

In una intervista apparsa nei giorni scorsi su CBR, il CEO dei BOOM! Studios ha fornito alcuni dettagli sull’adattamento cinematografico di Imagine Agents, che vedrà coinvolto l’attore in veste di protagonista e produttore, e dell’accordo tra la casa editrice e la 20th Century Fox, di cui ormai fanno parte moltissimi progetti in fase di realizzazione per il grande e piccolo schermo.

L’interesse di Michael nel progetto è stato qualcosa a lungo latente. Quello che è accaduto è che il suo manager aveva scoperto che Michael in realtà è sempre stato interessato al tema degli amici immaginari . Credo, ma potrei sbagliarmi su questo, che avesse un amico immaginario da bambino e così è stato immediatamente preso dal materiale… Siamo stati entusiasti di ricevere la sua telefonata, e poi nel lavorare a stretto contatto con i suoi manager per mettere tutto insieme. Brian Joines [uno degli autori di Imagine Agents ndr] è un ragazzo che, verso quel particolare progetto che ha avuto un periodo di gestazione durato anni, è stato incredibilmente paziente. C’era una versione oscura che era quasi più di un “Nightmare on Elm Street”, che era radicalmente diverso, e ha lavorato con noi su questo per lungo tempo. Poi la cosa più interessante è che l’annuncio è stato divulgato da The Hollywood Reporter proprio nel momento in cui stavamo preparando le novità per la SDCC, così siamo riusciti a spostare alcune cose all’ultimo minuto e siamo stati in grado di diffondere la notizia in tempo per San Diego.

Il Valerian di Luc Besson, i progetti Fox/Boom Studios

[20th Century] Fox è stato un partner eccellente. Hanno comprato “The Foundation”, che Kody Chamberlain ha creato; hanno comprato un progetto da , un regista molto interessante, progetto che abbiamo realizzato con lui un certo numero di anni fa. Le cose che a loro piacciono sono le grandi idee a fumetti, le cose che hanno un grande concept – fantasy, fantascienza o… si aspettano di più. Credo che la televisione, la stagione è appena agli inizi, e così la 20th Century, siano estremamente attenti e interessati a una vasta gamma di materiale da parte nostra. Ma sapete, in TV è necessario andare a prendere degli showrunner e gente del genere. Se fossi uno scommettitore, direi che stiamo probabilmente per fare un altro annuncio tra due/tre settimane.

Intervistato nei giorni scorsi da Comicbook.com, l’attore Drew Powell, che nella  serie della Fox interpreta il ruolo di Butch e che da poche settimane è stato nuovamente confermato, ha avuto modo di parlare della seconda stagione, e dell’entusiasmo nel ricevere una riconferma.

Beh, guarda, c’è una componente creativa e una componente di vita. (ride) La componente di vita significa che ho un ruolo stabile per almeno un’altra stagione, e credo che chiunque possa apprezzarlo! Creativamente, è un bel voto di fiducia da parte dello showrunner e gli sceneggiatori, che hanno più cose in serbo per Butch. Ragazzi, vi posso dire che stiamo iniziando a girare l’episodio 6 oggi, ed è stato già un episodio eccezionale.
L’ho detto a tutti gli scrittori e molti degli attori di quest’anno, ma ogni episodio che abbiamo realizzato quest’anno è stato fico. È davvero incredibile quello che stanno facendo quest’anno. Si stanno focalizzando su questa trama e ogni episodio è migliore del precedente. Ci sarà un sacco di divertimento per i fan.

Il Valerian di Luc Besson, i progetti Fox/Boom Studios

Parlando di dove troveremo il suo personaggio all’inizio della nuova stagione, Powell ha così risposto:

Beh, quando abbiamo lasciato Butch, era in una situazione disastrosa, davvero senza più nessuno accanto. Quando apriamo la stagione due, lui sarà con il Pinguino, con il condizionamento di Victor Zsazz ancora intatto. La cosa interessante è quello che succede da lì, di cui non posso dirvi ancora molto. Ma vi posso dire, che ci sarà un sacco di cose interessanti. Sai, stanno chiamando questa stagione “The Rise of the Vilains”, e di certo lo è! È davvero bello come hanno alzato l’asticella in termini di tenebre e di scelleratezza negli eventi che verranno raccontati.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio