L’Uomo Ragno #480 – Back in Black

di AA VV
, 28 feb. 2008 – 80 pagg. col. spil. – 2,80euro
Purtroppo l’ è, tra i personaggi di spicco, quello che meno si è giovato dei benefici del lifting di all’Universo . Il personaggio ha, ovviamente, potenzialità enormi ma l’editore pare impegnarsi di meno nei suoi confronti, quasi che potesse vivere di rendita (anche per merito e a causa dello strepitoso successo mondiale dei tre film). Nemmeno il ritorno di , autore di splendide storie del personaggio negli anni 80, risolleva la situazione, anzi. Mentre il suo ritorno su X-Factor è assai riuscito, qui la penna dello scrittore ha perso smalto e si produce in storie sciape, di poco spessore. Qualche buona battuta qua e là e nulla più. Disegni non proprio strabilianti di Todd Nauck. Giusto una curiosità la storia con gli agenti dell’Atlas, seppur brillantemente confezionata da e : scorre via piacevolmente ma senza lasciar nulla. Decisamente altra qualità per i di Ellis e Deodato Jr. Lo scrittore inglese è in gran forma e traccia quella che è probabilmente la strada da seguire per sfruttare appieno quanto seminato con : prendere gente con superpoteri (buona o cattiva che sia) e proiettarla in dinamiche da “vita reale”, con intrighi politici, complotti per il potere e umane meschinità. (Paolo Garrone)

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su