Turbogamma (Valerio Carradori) immagina “Lo Spazio Bianco”

Turbogamma (Valerio Carradori) immagina “Lo Spazio Bianco”
Cos’è “lo spazio bianco”? Com'è possibile riempirlo? La risposta a queste domande è affidata in questa puntata a Turbogamma alias Valerio Carradori.

Quale concetto migliore per esaltare l’inventiva di un artista? Quale tema più liberamente interpretabile dello spazio bianco può esistere, a parte forse il suo opposto, l’oscurità?

Per questo abbiamo dato vita a uno spazio dove gli autori possano dare forma alle proprie idee e interpretazioni e, allo stesso tempo, a una piccola celebrazione del nostro sito, che intorno al concetto di “spazio bianco” è nato e che vedeva nel contorno vuoto delle vignette un non-luogo “dove i fumetti sono tutti uguali”.

Ospite di questa puntata è Valerio Carradori aka Turbogamma con la sua illustrazione “Dissolvenza”. Buona visione.

Dissolvenza

DISSOLVENZA_Immagina lo spazio bianco

Turbogamma

TURBOGAMMA, a.k.a. Valerio Carradori, fa pixel art dichiarando guerra alla nostalgia dei videogames, disegnando in pixel quello che potrebbe essere tranquillamente disegnato con una matita, solo più fico.
Forte di questo entra a gamba tesa, dal nulla, nel mondo del fumetto e dell’illustrazione underground italiano, apparendo sul numero 4 della strip a fumetti “Quel Piccolissimo Giganteschio” del collettivo “Uomini nudi che corrono” (2017); nella mostra collettiva SCI-FI ANIME ATTACK (presentata a Lucca Comics e Napoli Comicon 2018); nel terzo numero della zine ANATOMICHE di Axel Zani (2018) e nella mostra collettiva di illustrazioni tributo all’opera “Gli Arcanoidi” di Maicol&Mirco (2018), esponendo al fianco di mostri sacri quali Miguel Ángel Martín, realizzando, nel mentre, svariati flyer per serate ed eventi sparsi in tutta italia e collaborando con artisti e musicisti.
Nel 2019 uscirà il suo primo artbook dal nome BOOTLEG

INSTAGRAM: https://www.instagram.com/_turbogamma_/

FACEBOOK: https://www.facebook.com/turbogamma/

opoppopop_Immagina lo spazio bianco

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su