Tra steampunk e jeunesse: Il viaggio straordinario

Tra steampunk e jeunesse: Il viaggio straordinario
Panini porta in Italia il primo volume de “Il viaggio straordinario”, avvincente serie francese per ragazzi realizzata da Denis-Pierre Filippi e Silvio Camboni.

è noto per essersi occupato a lungo di fumetto in Italia, ma dai primi anni 2000 ha iniziato a collaborare anche con il mercato francese – grazie all’interessamento di , come apprendiamo dall’intervista rilasciata a Lo Spazio Bianco un anno fa – disegnando dapprima due libri illustrati e lavorando poi sulla serie Gargouilles, che segnò la sua prima collaborazione con lo sceneggiatore .

Viaggio_straordinario_1Nel 2012 questo sodalizio avrebbe trovato una nuova espressione nella serie pubblicata da Glénat Le Voyage Extraordinaire, progetto che incontrò presto il favore del pubblico d’oltralpe proseguendo per diversi volumi fino a oggi, con la storia ancora in corso d’opera.
Questo lavoro non aveva ancora visto la luce in Italia, ma ora Panini ha pubblicato il volume 1 della collana contenente i primi tre tome originali, i quali compongono l’arco narrativo iniziale della storia: Il concorso Jules Verne.
Forse l’occasione è stata data dall’arrivo nel nostro Paese dei due graphic novel disneyani realizzati da Filippi e Camboni, che l’editore modenese potrebbe aver sfruttato come volano per mandare alle stampe anche il progetto che ha dato loro la fama in Francia.

Siamo in un 1927 alternativo, nel quale la Prima Guerra Mondiale è ancora in corso con un misterioso schieramento chiamato Terzo Asse che, grazie ad avveniristiche macchine e robot, tiene in stallo il conflitto.
Protagonisti de Il viaggio straordinario sono Noémie ed Émilien, due giovani cugini che hanno imparato a essere affiatati e indipendenti dal momento che i loro genitori sono sempre lontani per viaggi di lavoro. I ragazzi hanno affinato una certa conoscenza nella costruzione di macchinari e motori, seguendo le orme dei brillanti consanguinei, e grazie a queste loro capacità hanno modo di aiutare i due assistenti del padre di Émilien a partecipare al concorso Jules Verne presentando un nuovo prototipo di energia motrice: il genitore del ragazzo risulta rapito da un misterioso finanziatore che potrebbe figurare tra i partecipanti alla competizione e gareggiare diventa un buon modo per provare a trovarlo.

Viaggio_straordinario_4Sono subito evidenti gli elementi portanti dell’opera: avventura genuina sullo stampo dei classici romanzi di formazione per ragazzi, una buona dose di stuzzicanti misteri, tante tecnologie strane e avveniristiche, una trama robusta e ricca di colpi di scena che porta i protagonisti in giro per il mondo.
Tali ingredienti vengono cucinati con perizia da Filippi: l’autore costruisce un impianto narrativo solido, all’interno del quale sa dosare la velocità di racconto e cadenzare il ritmo degli avvenimenti. L’amalgama riesce anche grazie alla caratterizzazione azzeccata dei due protagonisti così come dei comprimari di maggior peso, e alla leggerezza con cui la storia viene raccontata, con alcuni momenti spezza-tensione e una narrazione a misura di jeunesse, termine che nell’editoria francese indica la categoria di lettori più giovani.
Nel primo caso Noémie ed Émilien incarnano i vari stilemi dei tipici preadolescenti dei libri d’avventura: intraprendenti, coraggiosi e brillanti. Vengono inoltre connotati con un carattere reciprocamente complice che non rinuncia comunque a qualche frecciatina da ambo i lati, spesso con punte di malizia decisamente riuscite e realistiche.
Gli adulti con cui collaborano rappresentano una vasta gamma di tipi umani, arricchiti dal fatto che potenzialmente nessuno di loro è realmente ciò che appare: una consapevolezza che hanno i due ragazzi ma anche il lettore, rendendo la lettura appassionante perché vira quasi verso i contorni di una spy-story.

Viaggio_straordinario_5Missioni, indagini e sospetti sono una costante nei dialoghi e nei pensieri de Il viaggio straordinario, che infatti nella sua ultima parte riserva diverse sorprese che innalzano l’interesse verso la trama, arricchita da svolte impreviste ma pienamente giustificate a livello narrativo, presentate in maniera coerente e onesta come il risultato di un raffinato gioco di prestigio.
Una differenza che si può notare rispetto ai due volumi con cui Filippi si è cimentato – Mickey e l’oceano perduto (qui la nostra recensione) e Mickey e la terra degli antichi – è che in quei casi il formato del singolo graphic novel autoconclusivo compresso in 48 pagine non riusciva a contenere in maniera esaustiva tutto il background che riguardava quegli specifici universi narrativi, che risultavano di conseguenza solamente accennanti, lasciando la costante impressione che mancasse qualcosa per apprezzare appieno quei lavori. Stavolta, con la possibilità si snodarsi in diverse uscite e sul lungo periodo, emerge chiaramente l’abilità dello sceneggiatore nell’inventare mondi con tutti i crismi e le coordinate necessarie a caratterizzarli in tutto e per tutto.

Viaggio_straordinario_2Ad accompagnare una narrazione tanto riuscita troviamo i disegni di Silvio Camboni, il quale impreziosisce il volume con tavole ricche di dettagli e dal sapore piacevolmente steampunk. È infatti questa l’influenza estetica principale che si respira per la maggior parte delle scene, tra macchinari composti di metallo e vetro e dalle forme vagamente vittoriane, particolarissimi dirigibili, robot con circuiti a vista, esoscheletri ad assetto variabile e richiami espliciti ad una tecnologia dal sapore vintage quanto avveniristico. È proprio con questi mezzi e congegni che l’artista rende evidente la propria perizia nell’inserire intarsi e particolari all’interno delle vignette, che contribuiscono in maniera determinante a restituire la giusta atmosfera.

Altro aspetto riuscito sono i panorami: le inquadrature esterne sono una gioia per gli occhi, restituiscono l’idea di sconfinato dell’oceano così come l’eleganza di una città come Parigi vista dall’alto. Le nuvole appaiono come soffici batuffoli, le onde fanno percepire quasi matericamente l’acqua e gli edifici delle città abbracciano un’estetica raffinata e al contempo dalle linee nette e decise.

Grande aiuto per ottenere questa resa viene dai colori di Gaspard Yvan, che allestisce una tavolozza carezzevole, dove predominano i toni tenui e rassicuranti, ammiccando alle atmosfere da letteratura per ragazzi.
Non mancano però virate verso una colorazione più “industrial” nei momenti in cui i personaggi si trovano all’interno dei propri veicoli o nel laboratorio sotterraneo che appare nel primo capitolo.
C’è molta attenzione alla luce e a come questa illumini o meno oggetti e figure e si rifletta sulle superfici lisce e fredde degli automi e delle macchine. Albe e tramonti costituiscono in questo modo momenti sempre emotivamente intensi a prescindere da quanto stia avvenendo nella storia, semplicemente godendo delle sensazioni trasmesse dai colori.

Viaggio_straordinario_8Merita infine due parole il character design di Camboni. Noémie ed Émilien risaltano per gli occhioni che occupano gran parte del visto, ricordando alla lontana l’estetica manga e quella dell’animazione disneyana. La forma della testa è piuttosto squadrata e i capelli hanno un aspetto stopposo, mentre il corpo è dinoccolato e snodato: sono tanti accorgimenti che rendono i due personaggi centrali i più cartooneschi del lotto, pur mantenendo nel complesso un’impressione di realismo. Per quanto riguarda le figure di contorno, invece, la componente realistica risulta più marcata, anche se sempre nell’ambito di un fumetto umoristico: nelle donne, in particolare, risultano decisamente pronunciate le forme femminili, che si intravedono in diverse occasioni e sulle quali le inquadrature indugiano volentieri, complici i vari passaggi di sceneggiatura che vedono queste figure indossare costumi da bagno o succinte camicette da notte.

Il viaggio straordinario parte in definitiva sotto i migliori auspici, con un primo arco narrativo capace di intrigare immediatamente il pubblico grazie alla grande avventura in senso classico, a un cast funzionale, a una scrittura scorrevole e a tavole cesellate e di grande effetto.

Abbiamo parlato di:
Il viaggio straordinario – volume 1: Il concordo Jules Verne
Denis-Pierre Filippi, Silvio Camboni, Gaspard Yvan
Traduzione di Isabella Donato
, 2021
152 pagine, cartonato, colori – 24,00 €
ISBN: 9788828707943

Per saperne di più:

Silvio Camboni: Disney, Francia e ritorno

L’oceano perduto: un’avventura steampunk di Topolino
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *