“Toystellers”: storie di giocattoli, collezioni e collezionisti

“Toystellers”: storie di giocattoli, collezioni e collezionisti
Un libro che parla di giocattoli come non è mai stato fatto prima. Con le emozioni e le storie di chi li colleziona.

Toystellers è un libro dedicato a tutti i collezionisti. È un libro che fa di ogni collezione una nostra traccia sul pianeta. È un libro rivolto al futuro, per chi raccoglierà questa passione.

Inizia con queste parole il libro curato da Federico Ghiso, direttore creativo e copywriter nelle più importanti agenzie pubblicitarie italiane, che unisce la sua passione per i giocattoli e la sua passione per le storie.

Immagine

Toystellers, oltre alla sua, raccoglie le storie e la passione dei più grandi collezionisti di giocattoli d’Italia, a partire da Fabrizio Fontanella che apre le porte del suo Museo Venice Vintage Toys – Creature di Gomma e racconta come è arrivato a collezionare più di 6000 pupazzi di gomma.
Le storie si susseguono con punti di vista appassionati e autorevoli: il mercante d’arte Roberto Ballandi ci fa a scoprire il tesoro delle action figure di Indiana Jones delle Kenner; Federico Piccinini, il più grande collezionista al mondo di Mego della Harbert i cui pezzi, fumetti e memorabila sono stati esposti nelle più importanti mostre e musei internazionali ci racconta la sua teoria della “Gravitazione Collezionistica”; Francesco Ristori presidente di Florence Toy Museum e autore del libro “Robot Fever” ci porta in volo con lo Space Grendizer di Goldrake, Fabrizio Modina storico di mitologia moderna, curatore di importanti mostre nel mondo ci fa scoprire gli albori della galassia di ; Tommaso Consortini autore del libro Press Play on 80’s ci porta nel regno dei Masters of the Universe, Fabrizio De Angelis con tutta la sua passione analizza in ogni dettaglio il primo Big Jim mai uscito (n.4332 Made in Mexico). Le emozioni del Subbuteo le racconta Andrea Piccaluga, che nel 1978 a soli 13 anni divenne campione del mondo.

Immaginee

Ognuno di questi “Toystellers” racconta un pezzo della propria storia di bambino e di collezionista. Non tanto parlando dei pezzi “rari” ma delle emozioni più preziose che li legano ai loro giocattoli. Ognuno in modo unico, come uniche sono le loro collezioni e le loro storie. A chiudere il libro tre punti di vista diversi. Quello accademico di Angelica Busato, che sui giocattoli si è laureata e della sua passione per ne ha fatto un lavoro. Quello di Luigi e Fabrizio, gli inventori di Toyssimi, uno degli appuntamenti più importanti in Italia per trovare e scambiare giocattioli. E infine il punto di vista di un bambino, Tommaso Signorini. Perché chi più di un bambino può parlarci di giocattoli?

Grazie a tutti loro, Toystellers è un viaggio verso l’infinito e oltre. Un viaggio che è anche un ritorno: all’infanzia, alla fantasia e alla felicità.

INFO

Il libro in formato 30,5 x 23,5 (284 pag.) è disponibile in tiratura limitata per collezionisti. Info su www.toystellers.com

 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *