Tom of Finland – The complete Kake comics

Tom of Finland – The complete Kake comics
L'artista che ha rivoluzionato l'arte omoerotica del XX secolo con Kake, la più famosa icona gay del fumetto di sempre, vero e proprio modello che influenzerà la cultura di massa.
images
Tashen, 2015 Finlandia, Kake, 1968

Diventare un artista di fama mondiale ha richiesto determinazione e un lavoro coraggioso in una realtà che all’epoca non era rispettosa né permissiva“.
(Berndt Arell)

touko-laaksonen-890x656
Touko Valio Laaksonen, conosciuto con il nome d’arte Tom of Finland. Dietro a sinistra, il suo compagno, Veli.

Credo che Touko Laaksonen sarebbe potuto essere un ottimo disegnatore di super eroi. Le sue figure maschili sono imponenti, virili, muscolose, insomma perfette per gli eroi con la calzamaglia super aderente che evidenzia il fisico scultoreo. Ma Touko aveva le idee chiare fin da quando era un ragazzino e fece una scelta ben diversa e sicuramente più rischiosa. E invece di diventare l’ennesimo artista di eroi con super poteri, divenne un artista per moti versi unico, vera ispirazione per tutta la cultura gay.

Nato in un piccolo villaggio della Finlandia, Touko passò la sua infanzia leggendo e suonando il piano, non uscendo quasi mai di casa. Figlio di due insegnanti, prese coscienza della propria attrazione per gli uomini fin da subito, pur nascondendolo a tutti, visto che l’omosessualità all’epoca in Finlandia non era tollerata. Fu quindi il disegno la sua vera valvola di sfogo, che lo portò a cimentarsi con il fumetto fin dall’età di otto anni. A 10 anni, Touko iniziò a rappresentare quelle figure maschili possenti e rudi, come boscaioli oppure operai, che diverranno i protagonisti delle sue storie.

3439027d79e173dc347a6185964bfedc
Kake con la sua classica giacca in pelle e la sua possenza fisica: gli uomini di Tom sono fieri di essere gay.

Nel 1939 si traferì a Helsinki per continuare a studiare arte; in questa città portuale, conosce nuovi modelli maschili tra i quali poliziotti e marinai. Touko viene subito attratto dalle uniformi e dal potere che esse evocano. E’ qui che, durante la seconda guerra mondiale, in seguito all’alleanza della Finlandia con la Germania, Touko fa le sue prime esperienze omosessuali con i soldati tedeschi. Dopo la guerra il giovane artista lavorò nella pubblicità, realizzando illustrazioni per qualche rivista. Incoraggiato da un suo amico, nell’ 1956 invia alcune illustrazioni alla nota rivista americana di body building, Physique Pictorial. L’editore, Bob Mizer, resosi conto del talento del giovane Touko, dedica a una delle sue figure maschili prestanti e virili la cover del numero della primavera del 1957. Sempre in quell’anno Mizer convincerà il giovane Touko ad utilizzare lo pseudonimo Tom of Finland. La sua passione in questo periodo si sposta dai soggetti militari degli inizi ai motociclisti in giacca di pelle stile Marlon Brando nel film Il Sevaggio. Fu un passaggio naturale vista la sua passione per le giacche e stivali in pelle. L’arrivo di Tom nella rivista di Bob Mizer coincise con la morte di George Quaintance, pioniere dell’illustrazione gay. Mizer trovò con Tom il suo nuovo artista di punta; in seguito i disegni dell’artista finlandese apparirono su tutti i numeri della rivista. Nel 1965 Tom ideò il personaggio di Vicky, poi ribattezzato Mike che rappresentava il suo modello maschile. Ma fu nel 1968 che Tom of Finland creò il suo personaggio più famoso, Kake un uomo virile, bruno e baffuto e totalmente vestito di pelle. Kake diverrà il suo personaggio più famoso nonché una vera e propria icona del mondo gay.

tom-of-finland-750x563-1
Lo stile di Tom of Finland: giacche in pelle, fisico scolpito che simboleggia la mascolinità. Immagini iconiche di un artista rivoluzionario.

L’importanza del lavoro di Tom si può proprio vedere nelle tavole di Kake: “Mi impegno molto affinché gli uomini che disegno mentre fanno sesso appaiano uomini orgogliosi che fanno del buon sesso!” Ed è qui l’arma vincente di Tom of Finland: gli uomini fanno sesso tra di loro, si abbracciano, si baciano senza essere effemminati ma conservando la loro virilità e mascolinità. Fin dagli anni ‘50 Tom lotta con grande convinzione affinché gli uomini non provino vergogna a mostrarsi per ciò che sentono di essere.

Questo proposito è evidente nella tavole di Kake, in cui si passa dal rappresentare il momento della seduzione all’atto sessuale vero e proprio accompagnato dall’atto di tenerezza. Tutto questo viene rappresentato da un disegno bellissimo, personalissimo e dal tratto ricercato, dotato di una grande forza plastica e che farà scuola negli anni a seguire. Leggendo tutte le avventure di Kake vediamo l’evoluzione stilistica di Tom che sfoggia un’abilità non comune nell’anatomia umana e nell’uso delle ombre, oltre all’abilità compositiva delle singole vignette, in cui i personaggi sfoggiano esagerate erezioni durante i loro atti sessuali.

Il lavoro di Tom of Finland rimane di grande importanza e a trent’anni dalla morte l’autore gode di una meritatissima popolarità di cui oggi andrebbe orgoglioso. Dal cinema alla musica il suo look in pelle verrà adottato da artisti di fama mondiale (uno su tutti: Freddie Mercury) e le sue opere esposte in prestigiosi musei come il MoMa di New York; ma le opere di Tom sono oggi racchiuse in pregiati volumi e sono li a testimoniare l’importanza di come quest’autore, proveniente da uno sperduto villaggio finlandese, divenne il vero punto di riferimento per l’arte omoerotica (e non solo) del XX secolo.

03
L’uomo forte, possente e la divisa che indossa, sono alcuni dei tratti caratteristici dei disegni di Tom of Finland

Curiosità

Nel 1979 insieme all’uomo d’affari canadese Durk Deher, Tom fonda la Tom of Finland Foundation che si occupa di catalogare e divulgare tutte le opere d’arte omoerotiche. La stessa fondazione ha introdotto una linea d’abbigliamento ispirata alle opere di Tom.

Nel 1981 Tom perde il suo compagno di una vita (stavano insieme da quasi trent’anni), Veli per un cancro alla gola. Nel 1988 a Tom verrà diagnosticata una grave forma di enfisema polmonare che lo porterà alla morte nel 1991. Nel 2014 il governo finlandese dedica un francobollo a Tom of Finland.

Le influenze di Tom si riscontrano anche in varie opere cinematografiche come il film di William Friedkin Cruising.

Nel 2017 il regista Dome Karukoski realizza dirige il film biografico Tom of Finland. Il film viene selezionato per rappresentare la Finlandia ai Premi Oscar.

Edizione Consigliata

Ultima edizione in ordine di tempo, e con un eccellente rapporto qualità prezzo, quella consigliata è molto ben fatta in puro stile Tashen: cartonato con sovracopertina, ottima stampa e cura editoriale con introduzione di Dian Hanson. Il volume è in edizione trilingue, inglese, tedesco e francese. Manca la lingua italiana ma essendo i fumetti di Kake completamente muti, la cosa ha poca importanza.

Altre edizioni

Sull’arte di Tom of Finland esistono vari libri che racchiudono gran parte delle opere dell’autore finlandese. Alcuni sono editi dalla stessa Tashen. Interessante anche il volume Tom of Finland Made in Germany.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su