Orfani: Sam #8 – Cuore di Drago (AA.VV)

Orfani: Sam #8 – Cuore di Drago (AA.VV)
La nemesi per eccelenza della saga è pronta a tornare in un'inedita, pericolosissima forma nel nuovo numero scritto da Roberto Recchioni e Michele Monteleone.

cuore_di_drago___orfani_sam_08-e1519556167235_BreVisioni Nell’ottavo numero di , creato da e , fa il suo ritorno Jasna Juric, più fredda e calcolatrice che mai nella sua nuova incarnazione cybertecnologica, anche se tenuta sotto scacco dagli spietati Garland e Cesar.
Questo numero prende le distanze dal precedente in fatto di ritmo, nella ricerca di alcune sequenze maggiormente riflessive che rallentano l’azione, in cui la Juric è costretta ad affrontare i propri demoni interiori in modo da riacquistare piena potenza.
I vari momenti che mostrano il passato della protagonista sono comunque tra i più riusciti dell’albo, capaci di trasmettere un forte senso di pathos pur senza rinunciare a qualche piccolo sprazzo d’ironia, rappresentato in questo caso dai messaggi che compaiono alla fine di ogni ricordo, del tutto simili agli obiettivi di completamento dei videogiochi moderni. Ben congegnato anche il finale dell’albo, in grado di collegarsi con estrema naturalezza alle vicende viste nello scorso numero.
L’unica nota negativa riguarda l’assenza totale di Sam dalle vicende narrate, divorata, per così dire, dalla presenza scenica e caratteriale della Juric.
A livello grafico, puntando su numerosi artisti dagli stili più disparati, si è cercato di puntare nuovamente sulla sperimentazione, spaziando dal tratto spigoloso e d’effetto di passando a differenti stili forse più classicheggianti e altrettanto coinvolgenti, anche grazie ai colori di Stefania Aquaro, Alessia Pastorello e Adele Matera.

Abbiamo parlato di:
Orfani: Sam #8 – Cuore di Drago
Roberto Recchioni, Michele Monteleone, Nicolò Assirelli, Francesca Vartuli, Pierluigi Minotti, Manuel Bracchi, Antonello Becciu, Fernando Proietti
, gennaio 2018
96 pagine, brossurato, colori – 4,90 €

orfanisam8_BreVisioni

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su