Tex Willer #10 – Pinkerton Lady (Boselli, De Angelis)

Tex Willer #10 – Pinkerton Lady (Boselli, De Angelis)
Con il decimo albo della testata "Tex Willer", inizia un nuovo arco narrativo: in "Pinkerton Lady", pubblicato da Sergio Bonelli Editore, Mauro Boselli e Roberto De Angelis presentano Mefisto e la risoluta investigatrice Kate Warne.
©

bara al tavolo da gioco, Mefisto seduce il pubblico con uno spettacolo di magia: il nemico, che il ranger ha affrontato in più occasioni nella serie classica, viene presentato per la prima volta nella testata Tex Willer. si prende il tempo necessario per impostare con cura un terzo arco narrativo solido, alternando le sequenze che vedono protagonisti i due, presi singolarmente, e aggiungendo un terzo filone con al centro Miss Warne, investigatrice che si pone nei confronti dell’eroe in modo diverso rispetto all’indiana Tesah, arricchendo la lista dei caratteri femminili coinvolti finora. Dopo una quarantina di pagine dal ritmo basso, la velocità del racconto aumenta e al contempo gli scambi di battute si fanno più serrati e frizzanti, con un tocco di ironia riservato soprattutto alle parole di Willer, utile per mettere in risalto il lato più guascone tipico della sua giovinezza. Tornato ad affiancare lo sceneggiatore dopo i capitoli disegnati da Bruno Brindisi, collabora al cambio di passo sfruttando lo scenario boschivo per sporcare un tratto fino a quel punto pulito e sottile, con la linea chiara incupita dalle ombre. Mentre lo stile adottato per la terza parte dell’albo esclude una struttura di tavola presente nei due terzi precedenti, in cui una striscia era riservata a una vignetta di grandi dimensioni e l’altra a due più piccole, rimane costante l’asimmetria che caratterizza la distribuzione dei riquadri nella gabbia di alcune pagine.

Abbiamo parlato di:
Tex Willer #10 – Pinkerton Lady
Mauro Boselli, Roberto De Angelis
Sergio Bonelli Editore, agosto 2019
64 pagine, brossurato, bianco e nero – 3,20 €
ISSN: 977261184704690010

© Sergio Bonelli Editore
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su