Tex #741: all’inseguimento di Mefisto e Yama

Tex #741: all’inseguimento di Mefisto e Yama
Il quarto episodio della saga di Mefisto scritta da Mauro Boselli è illustrato da Fabio Civitelli e vede Tex sulle tracce di Dickart padre e figlio.

Sierra Nevada 1Le leggi del teatro parlano chiaro: tra la fine del primo atto e l’inizio del secondo occorre cambiare. Così lo sceneggiatore-regista , a metà di questa microsaga, muta pedine e tavolo da gioco. Passa così dal tratto conturbante dei Cestaro Bros al disegno arioso di ritornando ai panorami e ai campi lunghi cari al western classico. Anche la trama, in un perfetto gioco di specchi, viene ribaltata: se finora era stato Mefisto ad insidiare i pards, adesso sono loro a mettersi al suo inseguimento, mentre cerca di salvarsi insieme al figlio Yama per riorganizzare il suo impero del male. L’albo, dal ritmo eccellente, è una apoteosi dello stile boselliano: l’intreccio si dipana infatti anche nei momenti di pausa grazie ai dialoghi e, soprattutto, attraverso l’interazione di molti personaggi secondari mai superflui e sempre ben caratterizzati. Tra tutti spicca, per spazio narrativo e drammaticità, il lama tibetano Padma il cui ritorno, introdotto nell’incipit forse più inconsueto di tutta la saga del Ranger, costituisce una delle trovate (l’altra è, verosimilmente, il riapparire del mago Narbas) che Boselli evolverà nel corso dei prossimi tre numeri.
riprende coerentemente il discorso figurativo interrotto su L’inferno che l’urla (gennaio 2017), ma è in più chiamato a visualizzare per la prima volta Dickart padre. Il suo Mefisto, più vicino alla tradizione galleppiniana rispetto a quello di Villa e dei Cestaro, abbandona i tratti più caricaturali e spiritati guadagnando in fisicità. Mefisto è qui una vera ipostasi del male con un corpo che occupa in modo prepotente lo spazio delle vignette ed è capace di esprimere sia rabbia sia forme di inquietante riconoscenza. Il maestro di Arezzo conferma poi la sua abilità nella resa degli ambienti, delle mimiche e delle superfici: tutto, sulla pagina, appare straordinariamente materico. Menzione a parte merita la ormai celebre tecnica del puntinato che permette a Civitelli di descrivere in modo ineguagliabile il cielo e gli agenti atmosferici, ma anche di realizzare sfondi e secondi piani che fanno risaltare tutto ciò che accade davanti all’occhio del lettore. 

Abbiamo parlato di:
Tex #741 – Sierra Nevada
,
Editore, luglio 2022
114 pagine, brossurato, bianco e nero – 4,40€
ISSN: 977112156104620741

Sierra Nevada 2

Tex #738: bentornato Mefisto!

Tex #739: senza via di scampo dall’orrore!

Tex #740: chiusi in manicomio
Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su