Tex #708 – La tribù dei dannati (Ruju, Font)

Tex #708 – La tribù dei dannati (Ruju, Font)
Pasquale Ruju e Alfonso Font mettono Tex e Carson sulle tracce di un gruppo di mescaleros assassini e sanguinari, mentre un giovane mezzosangue deve provare a ricostruirsi una vita dopo avere espiato un passato di errori e violenza.

Tex_708_cover_BreVisioni Makua, un giovane mezzosangue, esce dal carcere dopo avere scontato la propria pena e ad attenderlo all’uscita c’è – che in carcere lo aveva spedito – pronto a dargli la possibilità di ricostruirsi una vita.
È con questa scena che innesca la nuova avventura che parte su questo numero e che vede il ranger e Carson cercare di fermare un gruppo di mescaleros assassini prima che una rivolta isolata si trasformi in una guerra che potrebbe coinvolgere molti innocenti.
Se di per sé la trama della storia non si discosta da molte altre che hanno riempito le pagine di Tex nei decenni, la sua messa in atto è l’elemento su cui focalizzare l’attenzione. Ruju imposta due linee narrative che, a prima vista divergenti, vanno invece man mano a unirsi creando un racconto crudo e violento, condito di dialoghi che insistono sul realismo. Più si avanza nelle pagine e più sembra non esistere scampo per i deboli dalla sopraffazione e dalla violenza di uomini senza pietà. Anche Tex, in questa prima parte della storia, pare solo poter essere inerme testimone di massacri senza senso, non riuscendo mai a raggiungere i responsabili in tempo per evitare le carneficine.
, dal canto suo, regala come sempre una prova da maestro. Il Tex che vediamo nelle tavole porta il marchio di fabbrica del disegnatore spagnolo: cappello piccolo, occhi come due fessure, bocca sempre socchiusa su una mascella squadrata. Il resto è uno stile efficace fatto di segni, tratteggi, linee mai chiuse e spezzate che rendono viva ogni vignetta.

Abbiamo parlato di:
Tex #708 – La tribù dei dannati
Pasquale Ruju, Alfonso Font
, ottobre 2019
96 pagine, brossurato, b/n – 3,90 €
ISSN: 977112156100860708

Tex_708_int_BreVisioni

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su