Tex #678 – Jethro! (Boselli, Mastantuono)

Tex #678 – Jethro! (Boselli, Mastantuono)
Ritorna il passato su Tex, in un’avventura ambientata nel profondo sud razzista degli USA, tra schiavi neri e cavalieri incappucciati del Klan.

Da tempo annunciava che il futuro prossimo avrebbe riportato sulle pagine di vari antagonisti e protagonisti di alcune storie passate del ranger.
Dopo lo stregone Yama, è ora la volta di due personaggi creati dallo sceneggiatore milanese quindici anni fa in un trittico di storie disegnate da Carlo Raffaele Marcello: Jethro, lo schiavo colored condannato per l’omicidio del proprio padrone e Glenn Corbett, uno dei jayhawkers1 della guerra civile americana.
Su un canovaccio narrativo simile a quello sperimentato in Tex # 671-672 da , Boselli imposta una storia che dopo l’inizio della vicenda nel presente narrativo, si sviluppa in un flashback ambientato subito dopo la conclusione dell’avventura di cinque lustri fa. Tex e Glenn accompagnano Jethro nel profondo sud degli USA, in cerca di giustizia per la moglie e il fratello impiccati, in una vicenda che, senza mai lasciare il binario dell’avventura, riesce efficacemente a mettere in scena i tremendi sentimenti razzisti che animavano gli stati confederati e l’oppressione in cui continuava a vivere la popolazione di colore anche dopo la fine della guerra civile.
è la matita perfetta per quest’avventura. Il suo stile ormai inconfondibile si esplica su tavole giocate sui chiaroscuri. La predominanza del nero e delle ombre è la perfetta materializzazione dell’oscurità morale e intellettuale dei razzisti del Mississippi e i cavalieri del Klan appaiono come dei veri demoni xenofobi in carne e ossa.

Abbiamo parlato di:
Tex #678 – Jethro!
Mauro Boselli, Corrado Mastantuono
Editore, aprile 2017
110 pagine, brossurato, bianco e nero – 3,20 €
ISSN: 977112156100860678


  1. guerriglieri abolizionisti del Kansas, affiliati con l’esercito nordista 

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su