Stranger Things – Soffiando sul fuoco: La favola dark del Sottosopra

Stranger Things – Soffiando sul fuoco: La favola dark del Sottosopra
Con Soffiando sul fuoco, Jody Houser e Ryan Kelly ci trasportano nuovamente nel bizzarro mondo di Stranger Things, facendoci scoprire alcuni retroscena della serie originale.

516ZJf38o9L._SX328_BO1,204,203,200_Nel 2016, i fratelli Duffer hanno fatto conoscere a un elevato numero di persone la serie (ormai cult) Stranger Things che, fin dal suo esordio su , ha via via raccolto un numero sempre più alto di fan in tutto il mondo.
L’opera, capace di puntare su generi differenti senza soluzione di continuità, spaziando con disinvoltura dallo sci-fi, all’horror al weird, mette al centro della scena un gruppo di giovanissimi che, in maniera del tutto casuale, si ritrova ad affrontare minacce provenienti da un’altra dimensione avvalendosi anche dell’aiuto di Undici, una bambina dotata di particolari poteri ESP.
Poiché narra una vicenda inedita, il volume a fumetti di Houser e Kelly – pur di fatto facendo parte dell’universo di Stranger Things – può essere letto anche da chi non ha mai visto un solo episodio della serie.91KGrhTfCoL

Ovviamente, conoscere il materiale originale può essere utile per riuscire a comprendere al meglio determinati passaggi (soprattutto durante la comparsa di alcuni volti noti della serie tv), ma in linea generale l’intero intreccio narrativo è in grado d’intrattenere in maniera soddisfacente anche se non se ne conoscono contesto e personaggi.
La storia del volume ci porta a fare la conoscenza di un paio di particolari ragazzi (due “esperimenti” riusciti a evadere da un pericoloso centro di ricerca), intenzionati a trovare Nove, una ragazza instabile dotata di devastanti poteri legati alla manipolazione del fuoco.
Il volume pone così un focus parecchio marcato proprio su Nove (un personaggio simile per certi aspetti all’Undici della serie tv) mostrandoci tanto i punti di forza – che di fragilità – del personaggio, che risulta probabilmente quello meglio caratterizzato di tutto il racconto.

Jody Houser è infatti stata molto abile a inserire un marcato sottotesto fiabesco/favolistico all’interno della narrazione, giocando con la psiche tormentata di Nove e la sua condizione di reclusa ed emarginata, dando vita a varie sequenze ricche di pathos e dalla forte valenza drammatica.
Il vero punto debole dell’intreccio risiede però in alcuni specifici elementi narrativi, soprattutto nella caratterizzazione dei personaggi e in special modo dei protagonisti.
Soddisfacente il ritmo, in grado d’intrattenere dall’inizio alla fine in maniera tutto sommato soddisfacente, seppur senza mai puntare su situazioni particolarmente originali o d’effetto, soprattutto nella parte centrale dell’albo.

Apprezzabile comunque la volontà di focalizzarsi su una storia inedita, di fatto parallela a quella principale vista nel serial televisivo, con alcuni riusciti camei dei protagonisti della saga, dalle fisionomie abbastanza simili alle loro controparti reali.
Molto buono il comparto tecnico, grazie a disegni d’effetto e appaganti capaci senza problemi di rifarsi agli stilemi del fumetto supereroistico americano mainstream, attraverso una propensione a incentivare la spettacolarità dell’azione mediante una riuscita composizione delle vignette in griglia libera che non didegna alcune splash page molto efficaci. Soddisfacente anche il character design di vari personaggi in campo, su tutti l’aspetto di Nove.

Abbiamo parlato di:
Stranger Things – Soffiando sul fuoco
Jody Houser, Ryan Kelly
Traduzione di Francesca Mastruzzo
Magazzini Salani, 2021
112 pagine, cartonato, colori – 16,90 €
ISBN: 9788893676816

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su