Parliamo di:

SM50: Uomo Ragno#143

SM50: Uomo Ragno#143
A distanza di venti come di cinquanta anni alcune storie restano pietre miliari nella continuity di Spider-Man; Riccardo Brambilla ci accompagna alla (ri)scoperta di un momento topico nell'eterna lotta fra...
Articolo aggiornato il 11/10/2017

SM50: Uomo Ragno#143

SM50: Uomo Ragno#143

SM50: Uomo Ragno#143Il passaggio all’età adulta avviene in diversi modi per un ragazzino. Di solito sono una serie di rituali di iniziazione socialmente accettati. La prima sigaretta, il primo bacio, la prima zuffa… Oppure un avvenimento molto forte che cambia la tua percezione della realtà.
Nel mio mondo fumettistico l’età dell’innocenza è finita con L’Uomo Ragno #143 nella storia Dilemma Mortale. Passi la tua gioventù tra paperi, conigli rosa e lupi azzurri, poi leggi del Ragno che se la prende con  il Rinoceronte. E tutto cambia.
È la storia successiva al “Retaggio degli Osborn”, dove Harry Osborn prende in ostaggio la sua stessa famiglia in una spirale di follia che ha il suo zenit durante la cena alla tavolata di Goblin. alla fine riesce a liberare Liz, Normy e Molten. A catturare l’alter ego Goblin, completamente accecato dalla rabbia, dal desiderio di rivalsa e dalla necessità dell’amore della famiglia. E vissero tutti felici e contenti?
È alla fine del numero che De Matteis impedisce al lettore di “godere” della sconfitta di Goblin.
Nella vignetta dopo l’arresto, quando sta per essere trasportato sull’ambulanza, schiumante di rabbia, in un delirio di onnipotenza e frustrazione, Harry sta per svelare il segreto di Spider-Man, il segreto dell’uomo sotto la maschera: ”PEEEETERRRR”…”Pan Peter Pan!” “Che bella la storia di Peter Pan…non vi piace?”
Mi aveva lasciato con un retrogusto amaro, la follia aveva vinto e i disegni di Buscema avevano dato il colpo di grazia alla mia innocenza fumettistica. Il bene non aveva trionfato. Una famiglia distrutta. Un amico perso. Nessun sorriso. L’urlo di Harry.SM50: Uomo Ragno#143
…finché il grande spettacolo dei fumetti si  è palesato in una storia di riscatto, di vendetta, di orgoglio e rispetto. “Dilemma mortale” nello stesso numero in Italia, quando Rhino, avvolto dalla nebbia, attacca Peter Parker in abiti civili. Attacca Peter, non Spider-Man.
Il nostro amichevole Uomo Ragno di quartiere si riprende il tutto con gli interessi. E io sono in prima fila per lo spettacolo.
SM50: Uomo Ragno#143La rabbia, il pericolo per la minaccia alla sua famiglia, la macchinazione di Harry da dietro le sbarre con l’ignaro Rhino della vera identità di Peter, il muscoloso senza cervello che se la prende col debole…mi ha emozionato. Lo ricordo ora come fosse la mia prima lettura dell’Uomo Ragno #143. Non è importante quello che è avvenuto nella storia, che Peter riesce a indossare il costume di Spider-Man dopo il primo attacco, che Rhino viene abbattuto dal Ragno senza nemmeno una battuta di intermezzo, che alla fine era solo una minaccia per spaventare Parker, la follia sarebbe continuata…quello che conta è quello che è avvenuto in me. Questo è quello che sono sempre stati i fumetti per me. La battaglia vinta dopo la sconfitta ormai certa.
La speranza.
Qui, tra queste pagine, ci si riprende il proprio spazio dopo aver visto l’orrore. La furia è incontrollabile.SM50: Uomo Ragno#143 La paura sottopelle smuove un mondo, perché se “da grandi poteri derivano grandi responsabilità”, l’amore di Peter per i cari e le persone a lui attorno (da Zia May al passante nel vicolo buio) occupa tutto lo spazio. Questo per me è IL marchio di fabbrica del Tessiragnatele.
L’epicità è in tutto il numero, in tutta la storia. Nessuna battuta spiritosa, nessun dialogo assurdo, solo la presa di coscienza della forza, di ciò che conta e di quanto si è disposti a sacrificarlo per difenderlo.
Il mio entusiasmo.
Avevo 13 anni. Ero entrato in un altro mondo. E non avevo paura.
Grazie Spidey. Nessuno minaccia la mia famiglia!

Riccardo Brambilla

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizio