Silvia Vanni immagina “Lo Spazio Bianco”

Silvia Vanni immagina “Lo Spazio Bianco”
Cos’è “lo spazio bianco”? Com'è possibile riempirlo? La risposta a queste domande è affidata in questa puntata a Silvia Vanni.

Quale concetto migliore per esaltare l’inventiva di un artista? Quale tema più liberamente interpretabile dello spazio bianco può esistere, a parte forse il suo opposto, l’oscurità?

Per questo abbiamo dato vita a uno spazio dove gli autori possano dare forma alle proprie idee e interpretazioni e, allo stesso tempo, a una piccola celebrazione del nostro sito, che intorno al concetto di “spazio bianco” è nato e che vedeva nel contorno vuoto delle vignette un non-luogo “dove i fumetti sono tutti uguali”.

Ospite di questa puntata è Silvia Vanni con la sua illustrazione “L.I.S (Lost in Space)”. Buona visione.

L.I.S (Lost in Space)

38782719_242197273286955_7090846699089821696_n_Immagina lo spazio bianco

 

Silvia Vanni

Nata a Castelnuovo di Garfagnana nel 1989, studia fumetto e colorazione digitale alla Scuola Internazionale di Comics di Firenze. Nel 2013 vince il Project contest di Lucca Comics and Games, che la porterà a pubblicare con Edizioni BD il suo primo fumetto, La città dei cuori innocenti. Nel 2016 esce Salomé per Kleiner Flug, di cui realizza i disegni, e l’antologico Grimorio di Attaccapanni press, di cui firma un episodio. Al momento è a lavoro ad un suo nuovo fumetto per Bao Publishing.

38804517_214221225922815_5032414774156066816_n_Immagina lo spazio bianco

 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su