Shockdom pubblica “L’agente Segreto” di Andreozzi e Raimondi

Shockdom pubblica “L’agente Segreto” di Andreozzi e Raimondi
Shockdom pubblica L’Agente Segreto, la graphic novel ispirata all’omonimo romanzo dello scrittore Joseph Conrad. Il thriller è stato scritto da Giuseppe Andreozzi e disegnato da Chiara Raimondi.

pubblica L’Agente Segreto, la graphic novel ispirata all’omonimo romanzo dello scrittore Joseph Conrad. Il thriller è stato scritto da Giuseppe Andreozzi, che con Shockdom ha già pubblicato l’inquietante BlackScreen . A dare forma alla sua storia, le matite e i colori di . Un racconto tremendamente attuale, che attinge alla letteratura inglese dello scorso secolo così come alla storia contemporanea, scandita dagli attacchi terroristici.

L’Agente Segreto è ambientato a Londra nel 2005, in un mondo che risente ancora fortemente del trauma del’11 settembre. Verloc, immigrato pakistano, cerca di costruirsi un futuro e di integrarsi nonostante le difficoltà e l’intransigenza della moglie, preoccupata che lo stile di vita occidentale per lei troppo dissoluto possa allontanare suo fratello – disabile mentale – dalla fede. Ma Verloc finisce in un gioco più grande di lui: membro di una delle più grandi organizzazioni terroristiche del mondo, in realtà segretamente lavora per MI5 (o Security Service, l’Ente per la Sicurezza e il Controspionaggio del Regno Unito): è incaricato di spiare e riferire a un uomo misterioso, nome in codice C., tutti i movimenti del capo della cellula Michaelis. Le cose per lui e per la sua copertura cominciano a mettersi male quando l’agenzia gli ordina di spingere la cellula a compiere un attentato, con lo scopo di scuotere l’opinione pubblica e di favorire il passaggio alla camera di alcune norme antiterrorismo che minano la libertà individuale.

unnamed_Notizie

Andreozzi racconta: “Ho sempre pensato che le storie sono importanti. Alcune più di altre. Quelle che sopravvivono al tempo, quelle chiamate ataviche. Quando ho letto l’opera di Conrad, sono stato colpito dalla sua attualità. L’agente segreto, ambientato in un’altra epoca, sembra parlare del mondo di oggi. Di una Londra con le stesse luci e di una società con le stesse paure.” Gli fa eco Chiara Raimondi: “Oggi come oggi è quasi impossibile essere il classico eroe senza macchia e senza paura, e L’Agente Segreto, un’opera modernissima nonostante sia stata scritta all’alba del ventesimo secolo, ce lo spiega molto bene. È venuto quasi naturale realizzarne la trasposizione e parlare delle paure e delle ombre del mondo di oggi e spero che colpisca i lettori così come l’opera di Conrad ha colpito noi.”

Chiara Zulian, responsabile editoriale di Shockdom, aggiunge: “La sceneggiatura abilmente scritta da Giuseppe Andreozzi non si adagia su facili cliché e presenta dei personaggi a tutto tondo; i raffinati disegni di Chiara Raimondi e la suggestiva scelta delle palette cromatiche per ogni tavola completano in modo naturale questo intenso volume”.

L’AGENTE SEGRETO È IN LIBRERIA E FUMETTERIA DAL 15 GENNAIO
Giuseppe Andreozzi, sceneggiatore. Nato ad Aversa nel 1983, ha conseguito la laurea in psicologia e successivamente ha frequentato i corsi di sceneggiatura cinematografica e scrittura per la televisione alla Pigrecoemme di Napoli e quello di sceneggiatura fumettistica alla Informofart. Dopo una prima pubblicazione su verticalismi lavora alla sua prima serie, “Mors tua”: una storia di zombie ambientata in Valgardena. Nel 2016 comincia la sua collaborazione con Shockdom. Scrive la graphic novel “BlackScreen” da un’ idea di Lucio Staiano. Insieme a Lucio Staiano e Elio Capalbo crea la Closure Comics, di cui è socio e responsabile editoriale.

Chiara Raimondi, classe ‘96, dopo l’istituto d’arte si trasferisce a Bologna, dove frequenta il corso di Fumetto e Illustrazione dell’Accademia di Belle Arti. Nel frattempo esordisce con Kristen e come colorista con Gamble, entrambi scritti da Salvatore Vivenzio ed editi da ALT! Associazione Lettori Torresi. Con Marco Rincione realizza Lipomorphosis, webcomic pubblicato sulla piattaforma di fumetti online Wilder e vari albetti autoprodotti.

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su