Senza paura, resistenza e amicizia

Senza paura, resistenza e amicizia
Senza paura è la storia di chi, vittima di enormi ingiustizie sociali, trova la forza di ribellarsi  attraverso la solidarietà e l’amicizia.

O perigo existe
faz parte do jogo
Mas naõ fique triste,
que viver è fogo.
Veja se resiste
Começa de novo.

Sem Medo, Vinicius de Moraẽs1

La storia che ci raccontano e Anthony Mazza è ambientata a San Paolo del Brasile nel 1950, anno in cui il Brasile si prepara ad ospitare la quarta edizione del Campionato di Calcio Mondiale dopo 12 anni dalla Seconda Guerra Mondiale. Il Brasile è stato scelto in quanto paese immune dai danni della guerra e sta vivendo un periodo di rinascita economica e culturale. In questo periodo di fervidi preparativi e trepidante attesa, a Rio stanno costruendo un grande stadio, il Maracanã.

Ma quello che succede alla famiglia di Vera e Luiz non ha niente a che vedere con questo clima di speranza: il padre dei due ragazzi, Jorge, ferroviere, viene travolto da un treno deragliato mentre è a lavoro e contemporaneamente, Mario Bettini, emigrato italiano a Torino e amico di Vera e Luiz, viene picchiato da un gruppo di razzisti all’ interno della sua panetteria. Il sindacalista Fulgenzio scopre che Jorge è morto per mancanza di manutenzione dei binari, e che le autorità vogliono insabbiare tutto mettendo a tacere la sua famiglia.

002Da tali eventi si deduce come San Paolo sia stata teatro in quegli anni di scontri sociali, tensioni tra sindacati e istituzioni, di episodi violenti di razzismo nei confronti degli italiani, protagonisti di una nuova ondata di emigrazione durante il secondo dopoguerra. Vera, Mario e Luiz si trovano a dover affrontare minacce, ricatti e persecuzioni, ma riescono a trovare la forza di denunciare i soprusi subiti, a “ricominciare” partendo dall’amicizia e dal sostegno reciproco.

Andrea Campanella e Anthony Mazza riescono così attraverso un episodio di cronaca a raccontare le vicende di un paese in un preciso periodo storico. Mazza rappresenta le vicende con uno stile lineare, un tratteggio netto e ben delineato, in cui i dettagli sono ridotti all’osso, rifuggendo da fronzoli e abbellimenti. Gli sfondi in cui si muovono i personaggi sono molto essenziali, mentre la gamma cromatica tende ai colori dell’ocra e del marrone. Le campiture di colore sono sempre piene, in contrasto tra di loro, prive di ombreggiature e uso delle sfumature; lo stesso rilievo è dato alle scene con e senza personaggi, da cui deriva un’orizzonte visivo in cui il contesto ha la stessa importanza dei personaggi.

Gli autori nel ricostruire un quadro completo della società brasiliana, danno spazio anche ai cambiamenti culturali che stanno avvenendo al suo interno: oltre alla passione per il calcio, che si consolida sempre di più e ricorre anche in numerosi flashback e aneddoti (tra Italia e Brasile), c’è spazio per il cinema, con il western di Ombre Rosse, ma anche con gli esordi di Adolfo Celi con “Caiçara” (pescatore) che segna l’ingresso del cinema brasiliano nel panorama mondiale.

pop-senza-paura 1
A partire da questi anni anche la musica brasiliana popolare si diffonde a livello internazionale. Ancora prima della nascita e dello sviluppo della bossa nova, il genere della samba diventa conosciuto ovunque. Nel nostro paese il sodalizio artistico musicale italo-brasiliano si consolida qualche anno più tardi. Proprio il brano “Sem medo (Senza paura) compare nel disco “La voglia, la pazzia, l’incoscienza, l’allegria” realizzato da Ornella Vanoni con Vinicius de Moraes e Toquinho nel 1976, in cui la cantante reinterpreta la musica e i versi dei due autori. Il testo, scritto dal poeta Vinicius De Moraes, incoraggia le persone a “passare senza paura per il buio, per la morte e per l’amore” ed è per questo che Campanella l’ha scelto come titolo per la sua storia, poiché descrive alla perfezione la capacità dei suoi protagonisti e suggella l’ennesima efficace collaborazione artistica italo-brasiliana, che è alla base della nascita di questa lucida e interessante graphic novel edita dalla casa editrice Oblomov.

Abbiamo parlato di:
Senza paura
Andrea Campanella, Anthony Mazza
Oblomov, 2019
120 pagine, brossurato, colori – 20,00 €
ISBN 978888562181-7


  1. Il pericolo esiste/fa parte del gioco/ma non essere triste,/che vivere è un fuoco/Cerca di resistere, comincia di nuovo 

Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su