Romics 2022: uno sguardo alle mostre

Romics 2022: uno sguardo alle mostre
Gli spettatori hanno potuto ammirare decine di tavole per le sette esposizioni allestite alla 39° edizione di Romics.

Sono ben 7 le mostre della 39° edizione di Romics, Festival Internazionale del Fumetto, Animazione, Cinema e Games di Roma.
Sette spazi allestiti al Padiglione 8, che vedevano esposte opere dei Romics d’Oro accanto ad altri artisti italiani e internazionali.

Mostra Emergency Gino Strada - Romics 2022
Mostra Emergency Gino Strada – Romics 2022

Andiamo Avanti Noi è la mostra organizzata da Emergency che raccoglie una trentina di illustrazioni e tavole a fumetti in ricordo di Gino Strada; ci sono, tra i tanti, anche opere di , Makkox, Maicol e Mirco, , e . Le tavole della mostra sono anche pubblicate in un volume cartonato dal titolo omonimo.

Fumetti Corsari è invece la mostra dedicata al centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini, realizzata da 22 fumettisti della e patrocinata dal Comune di Roma.

Da Jurassic World a Tatooine raccoglie tavole del concept artist Jama Jurabaev utilizzate per la lavorazione di The Mandalorian, Ready Player One e Jurassic World.

J-Pop Manga invece ha portato in Italia alcune tavole originali di Yukinobu Tatsu, autore di DanDaDan, manga tra i più popolari al momento della casa editrice giapponese , e titolo di punta dell’etichetta manga di . Le tavole sono arricchite anche dagli storyboard e dai name, ovvero delle tavole in cui i personaggi sono ancora abbozzati, ma con i dialoghi già posizionati per capire bene il ritmo della narrazione. Un’interessante esposizione che illustra con chiarezza i vari passaggi di creazione di un manga.

DanDaDan - Romics 2022
DanDaDan – Romics 2022

Per celebrare i Romics d’Oro invece, erano presenti una raccolta di stampe delle illustrazioni di Filippo Scòzzari (che abbiamo anche intervistato qui), principalmente tratte da Suor Dentona e Una regina, due re. Subito accanto era allestita un’esposizione di splendide tavole originali tratte da Torpedo, l’opera che ha consacrato il successo internazionale di . L’autore, ormai al suo trentesimo anno di carriera, ci ha concesso alcuni minuti per intervistarlo.

Yoshiko Watanabe
Watanabe

Infine, sempre nel padiglione 8, era allestito uno spazio dedicato a Yoshiko Watanabe, fumettista, illustratrice e docente alla dalla lunga carriera, iniziata come assistente nella casa di produzione di , proseguita come disegnatrice e animatrice per alcuni lungometraggi italiani e ora come fumettista e insegnante. Oltre alle tavole, la mostra comprendeva un’esposizione di alcune sue passate pubblicazioni e una zona destinata al live drawing.

Clicca per commentare

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *